Arrivano i primi campioni di olio nuovo ad anticipare un'annata che i dati di produzione ci descrivono non facile. Questi primi assaggi, però, fanno ben sperare. Abbiamo provato il monovarietale di itrana di Eredi Mele, il monovarietale di moraiolo di Valcannetta, e il monovarietale di moraiolo di Lottanti Temperoni. Ecco il dettaglio delle degustazioni.
Pubblicità

Come ogni anno l’arrivo dei primi campioni di extravergine è un momento emozionante, ancor di più se parliamo di prodotti che oltre ad avere un fascino intrinseco (il colore verde smeraldo dei primi oli non filtrati è qualcosa che riesce a stregare chiunque), godono di un profilo aromatico complesso e intrigante.
In questa occasione abbiamo assaggiato il monovarietale di moraiolo dell’azienda Lottanti Temperoni e quello dell’azienda Valcannetta, entrambi umbri, e il monocultivar di itrana dell’azienda Eredi Mele nelle Colline Pontine. Tutti prodotti veramente interessanti che ci fanno ben sperare anche per gli assaggi che verranno fatti per la prossima edizione della guida Oli d’Italia, nonostante anticipazioni sui dati di produzione che delineano un’annata non semplice in alcune zone del paese.
Ma entriamo meglio nel dettaglio di questa piccola degustazione.

Eredi Mele – Terra Dei Volsci Monocultivar Itrana
Una bellissima scoperta per quanto riguarda la zona di Sonnino, nel cuore delle Colline Pontine, zona del Lazio dove la cultivar dominante è l’itrana (conosciuta ai più come oliva di Gaeta). Qui, in località Madonna della Pietà, Maria Cristina Mele sta riportando piano piano alla luce (e anche in piena produzione) circa un migliaio di piante quasi dimenticate. Il risultato? Uno straordinario e tipico extravergine da itrana che stupisce per pulizia ed eleganza, con le sue nuance varietali di foglia di pomodoro alle quali seguono note di erbe aromatiche come l’origano, la macchia mediterranea, per chiudere con un finale lievemente agrumato. In bocca è rotondo, complesso, coerente con le sensazioni olfattive e con un bell’equilibrio tra amaro e piccante. Una new entry che si inserisce perfettamente nelle eccellenze che ormai da qualche anno questo territorio ci regala.

Valcannetta – Monocultivar Moraiolo
Si trova tra i territori di Todi e Montefalco l’azienda agricola, tutta certificata bio, di Giacomo Neri. L’assaggio del suo moraiolo ci ha svelato un prodotto eccellente che al naso affascina per la trama aromatica caratterizzata da erbe officinali, lieve speziatura e aromi balsamici a tratti pungenti. In bocca è potente, equilibrato, con un amaro erbaceo ben bilanciato con il piccante e, tutto intorno, note fresche di erbe aromatiche e nuance che ricordano il pepe verde. Un affascinante mix di potenza ed eleganza.

Pubblicità

Lottanti Temperoni – Monocultivar Moraiolo
Il nuovo olio di Francesca Lottanti e il figlio Nazareno Temperoni, che nella loro azienda biologica nei pressi di Collazzone ospitano circa 3.500 piante, ricorda molto il primo assaggio fatto nella scorsa campagna olearia. Un moraiolo dai toni scuri, introspettivo e accattivante, dalla consistenza quasi cremosa che regala note di erbe officinali, di noce, sottobosco, e una balsamicità che ricorda il timo. Il palato è decisamente più tenue dell’olfatto, con l’amaro e il piccante presenti ma ben bilanciati, e con sensazioni che ricordano la mela verde, l’erba tagliata e una lieve frutta secca che accompagna il finale.

Azienda Agricola Valcannetta | Massa Martana (Pg) | Fraz. Viepri 103 | tel. 075.8947372| http://www.valcannetta.it/it/olio-it.html
Lottanti Temperoni |Collazzone (Pg) | s. da Gaglietolese, 22 | tel. 075.8707173 | [email protected]
Eredi Mele | Sonnino (Lt) | località Madonna della Pietà

a cura di Indra Galbo