Guida narrata al turismo del vino

10 Nov 2011, 13:11 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_88599" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/06/275697_web.jpeg[/caption]

{loadposition interstizial1}

Tra le novità in libreria vi segnaliamo un viaggio nelle boutique wineries italiane.

 

Slawska G. Scarso ha fatto ciò che molti degustatori sognano di fare: esplorare con

Pubblicità

la propria macchina, di statale in statale, l’intero Vigneto Italia in 6 mesi. Dai terrazzamenti della Valtellina ai suoli vulcanici dell’Etna. Il Vino in Italia è un racconto appassionato dei luoghi di produzione; un racconto di persone, filari, tavole e altre piacevolissime deviazioni on the road. “Perché chi viaggia per vino sa bene che il vino è solo parte di un territorio fatto anche di cibo, natura e arte”.

 

Scarso, già autrice de “Il Vino a Roma”, mette da parte punteggi e linguaggi settoriali per concentrarsi sull’esperienza della visita in cantina, il carattere dei produttori, i profumi della vigna. E tutta una serie di sensazioni e impressioni che una viaggiatrice curiosa riesce a collezionare in un lungo viaggio solitario. Ci sono vignaioli come Gianfranco Paltrinieri, Isabella Pellizzati Perego, Nino Barraco, Mario Pojer.

Pubblicità

 

L’accento – a parte rare eccezioni - cade sulle boutique wineries, ovvero quelle aziende ancora a conduzione familiare: “credo che nelle piccole realtà il vino finisca per essere la rappresentazione di una persona, del suo carattere, la sua interpretazione del territorio circostante, del vitigno”.

Sono circa 100 i produttori selezionati nel libro che incontriamo lentamente tra strade secondarie che regalano campanili dimenticati, aneddoti, osterie con atmosfere d’altri tempi.

 

Pubblicità

In questo contesto i vini diventano quasi un dettaglio, la fine di un processo conoscitivo. Il Vino in Italia è un viaggio oltre la degustazione: non è un caso che le descrizioni organolettiche sono essenziali, accessibili a tutti.  “Nessun vino è un’entità a sé”: il testo ha proprio il merito di ricostruire le relazioni e i processi che ruotano attorno alla bottiglia finale. Riportando tutta la bellezza della scoperta, dei tempi produttivi, con un linguaggio scorrevole che fatica a nascondere uno sconfinato entusiasmo.

 

In Italia l’offerta ricettiva delle cantine sta crescendo qualitativamente: si moltiplicano agriturismi, menu pensati per valorizzare i vini prodotti, mostre e concorsi letterari a partire dalla vigna. Sfogliando il libro la voglia di chiamare subito i produttori raccontati, fare la valigia e mettersi in moto è grande. L'invito al viaggio è accolto.

 

 

Castelvecchi Editore  

(382 pag) 16,90 euro

 

Lorenzo Ruggeri

10/11/2011

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X