Un vitigno, tante espressioni. Così il Vermentino, non solo di Gallura, è un vino che restituisce l'anima di ben tre regioni: Liguria, Toscana e – come suggerito già – Sardegna. Abbiamo cercato le migliori etichette

Pubblicità

Alcuni vini delle cantine citate in questo articolo sono acquistabili su Tannico.it, l’enoteca online partner di Gambero Rosso. 

Il vermentino

Il vermentino è uno dei vitigni più noti e conosciuti in Italia e si trova nel registro delle varietà nazionali anche col sinonimo di carbesso, favorita e verlantin. In passato confuso con la vernaccia, ha origini ancora dibattute, anche se sembrerebbe plausibile una sua nascita nella parte nord-orientale della Spagna e una successiva diffusione lungo le coste del Tirreno; prima in Francia, nel Roussillon, dove prende il nome di malvoisie à gros grains, successivamente in Liguria (soprattutto nel Levante e sui Colli di Luni), Toscana (perlopiù sulla costa), Corsica e Sardegna, dove ha subito una forte diffusione; anche grazie all’istituzione della Docg Gallura (nel 2010), il vitigno oggi sull’isola, rappresenta il 12% della produzione regionale.

 

Pubblicità

Caratteristiche

Il grappolo è medio grande (sui 400 grammi) con forma cilindrica o tronco conica. L’acino è di grandi dimensioni, con buccia abbastanza spessa e molto pruinosa. La polpa ha sapore semi aromatico, fattore che caratterizza molto la complessità gusto olfattiva dei vini ottenuti da questa varietà: spesso offrono note di mandorla, anice e frutto a pasta bianca tropicale. In alcune zone molto vicine al mare, in Sardegna così come anche in Liguria o sulla costa toscana, non mancano sentori marini e iodati, mentre nella Docg Gallura, la particolare conformazione del terreno granitico, sommata alle importanti altitudini delle vigne (nonostante ci si trovi vicino al mare) conferiscono ai vini profumi molto fini ed eleganti di erbe aromatiche, agrumi e fiori bianchi.

 

Liguria

La Baia del Sole-Federici – Colli di Luni Vermentino Sarticola ’15

I due fratelli Andrea e Luca, il primo addetto ai vigneti e al commerciale, il secondo al comparto enologico, hanno ormai preso le redini di un’azienda moderna, strutturalmente efficiente, tecnologicamente avanzata con un occho all’ambiente e aperta all’enoturismo. La cantina guarda al futuro, con nuovi investimenti e grandissima qualità di cui il Sarticola è un segno concreto. L’annata 2015 ha regalato un vino complesso, intenso, con note di rosmarino e salvia, di fiori gialli e frutti maturi, di salmastro ed erbe officinali. Importante e strutturato ha una grande personalità e un incisivo carattere.

Pubblicità

 

Ottaviano Lambruschi – Colli di Luni Vermentino Il Maggiore ’15

Quando si pensa alla Liguria di Levante dal punto di vista enologico uno dei primi nomi che balzano alla mente è quello di Ottaviano Lambruschi. Capostipite della famiglia e lungimirante nella ricerca della qualità, ancora coordina i lavori, lasciando sempre più la gestione al figlio Fabio in vigna e alla giovane nipote Ylenia in ufficio e al marketing. Il Maggiore ’15 è un vino regale e raffinato, con note di frutta ed erbe officinali, complesso e rotondo, capace di incantare la mente distraendola nella ricerca della sublime piacevolezza.

 

Lunae Bosoni – Colli di Luni Vermentino Et. Nera ’15

Paolo è il lungimirante capostipite di una famiglia unita nella vita e nel lavoro. Lui lavora in vigna e in cantina, mentre la moglie Antonella e i figli Diego e Debora si occupano dell’accoglienza, delle vendite e delle relazioni commerciali.

L’Etichetta Nera è il vino bandiera dell’azienda: di un bel color paglierino con riflessi verdognoli, si distingue per l’ampiezza dei profumi che dal vegetale si aprono ai frutti tropicali di mango e ananas, su un corpo vellutato e strutturato, armonico e infinito nel retrogusto.

 

Toscana

Poggio al Tesoro – Bolgheri Vermentino Solosole ’16

La crescita qualitativa e la definizione stilistica degli ultimi anni, sempre piuttosto originale, sta lanciando Poggio al Tesoro tra le realtà più interessanti di Bolgheri. Grande importanza ha ovviamente il parco vigneti: le uve tipiche della denominazione poggiano su terreni eterogenei, in alcuni casi piuttosto pesanti, in altri sabbiosi o ricchi di scheletro. L’azienda fa parte del gruppo Allegrini, firma celebre del vino italiano con base in Valpolicella. In una gamma che vede protagonisti grandi rossi, spicca questo Vermentino Solosole ’16, dalle nitide note di salvia e basilico al naso che tornano in bocca altrettanto nettamente, unite a un sottofondo di limone verde; molto fresco e piacevolmente sapido.

 

Poggioventoso – Poetico ’15

Una realtà relativamente nuova, sorta ormai da più di dieci anni a Riparbella, nel pisano. Il luogo è splendido e il progetto vitivinicolo poggia su un contesto pedoclimatico ideale (il nome non è casuale, qui l’influenza dei venti, sia in estate che in inverno, è molto forte), oltre che su una solida conduzione tecnica. Impresa pensata, realizzata e portata avanti con passione da Maricla Affatato e famiglia, con vini in costante crescita qualitativa e stilistica. Il Poetico ‘15 deriva da vermentino con saldo di malvasia e petit manseng; i profumi sono freschi e fragranti e virano tra i fiori bianchi, agrumi e frutti gialli. In bocca attacca morbido, poi scatta con freschezza e sapidità.

 

Tenuta di Valgiano – Colline di Lucchesi Palistorti di Valgiano Bianco ’15

Valgiano è un mondo. Moreno Petrini e Laura di Collobiano hanno disegnato e realizzato un progetto fantastico sotto ogni punto di vista. Il luogo è magico e regala il nome alla tenuta. L’agricoltura biodinamica, di cui Saverio Petrilli è tra i massimi esperti in Italia, asseconda e valorizza le attitudini agricole e viticole della zona. Lo stile dei vini è diretta conseguenza di tutto questo, oltre che della sensibilità di ogni interprete, progetto armonioso e impresa del vino italiano tra le più lucenti. Come lucente è questo vino, vermentino per l’85%, con il saldo rimanente di chardonnay, malvasia, trebbiano e sauvignon. Profumi di frutta a polpa bianca, finemente uniti a cenni agrumati di pompelmo danno spazio a un vino dai ricordi mediterranei e solari, dal palato scorrevole e fresco.

 

Sardegna

Capichera – Vermentino di Gallura Vign’angena ’15

Il nome Capichera è noto in Italia e nel mondo, e non stupisce se pensiamo che i fratelli Ragnedda sono stati tra i primi nell’Isola a imbottigliare e a esportare in tante nazioni grandi bianchi a base vermentino. Questo ha decisamente contribuito a far conoscere la Sardegna e la Gallura vinicola, area in cui operano. Eleganza, carattere, territorialità ma soprattutto longevità sono le caratteristiche dei bianchi e dei rossi a firma Capichera. Il Vermentino di Gallura Vign’angena è la versione più giovane dei grandi Gallura aziendali, e offre freschezza e piacevolezza di beva pur con grande complessità.

 

Cherchi – Vermentino di Sardegna Tuvaoes ’15

Il Tuvaoes è un riferimento per il Vermentino in Sardegna. Quest’anno arriva alla sua trentesima vendemmia, un grande traguardo per un bianco isolano. Nasce a Usini, un territorio particolarmente vocato per questa varietà che qui riesce a dare complessità aromatica, bella freschezza, ma soprattutto un bel potenziale d’invecchiamento, cosa ancora rara nei Vermentino prodotti in Sardegna. La versione 2015 profuma di elicriso, anice, scorza d’arancio e non mancano tocchi iodati. La bocca è vibrante e slanciata, ritmica grazie a un bell’equilibrio tra la parte avvolgente e morbida data dall’alcol e quella sapida e fresca data un’acidità integrata magistralmente alla materia. Ottimo da bere ora, ma – siamo sicuri – regalerà ancora tanto nei prossimi anni.

 

Pala – Vermentino di Sardegna Stellato ’15

Pala è una grande famiglia del vino, capitanata da Mario che, con la moglie e i tre figli, gestisce una delle cantine più convincenti della Sardegna. Tutto si basa su un grande patrimonio vitato, fatto di vecchie vigne, suoli particolarmente vocati (l’azienda possiede anche alcuni impianti a piede franco su sabbia nell’oristanese) e un lavoro in cantina sopraffino, volto a ottenere vini eleganti, profondi e longevi.Il Vermentino di Sardegna Stellato dimostra di essere un grande bianco isolano. Figlio dell’annata 2015 profuma di fiori bianchi, erbe aromatiche e limone candito, in bocca è sapido, fresco agile e vitale.

 

Vigne Surrau – Vermentino di Gallura Sup. Sciala ’15

A pochi passi da Arzachena, in piena Gallura, troviamo una delle più belle novità degli ultimi anni, Vigne Surrau, che in poco tempo è divenuta un riferimento per la produzione vinicola gallurese. Dotata di una cantina tecnicamente attrezzatissima, può vantare una bellissima struttura ricettiva, aperta tutto l’anno, in cui si organizzano mostre, convegni e incontri culturali.Lo Sciala ’15 prosegue il suo percorso che lo ha visto eccellere negli ultimi anni. È un Vermentino di Gallura molto tipico per le note iodate, di agrume e fiori bianchi. In bocca la sua struttura è ben equilibrata da vena acida e buona sapidità e il finale è profondo, pulito e freschissimo.

 

Alcuni vini delle cantine citate in questo articolo sono acquistabili su Tannico.it, l’enoteca online partner di Gambero Rosso. 


www.tannico.it