La Borgogna vuole l'Unesco

26 Gen 2012, 16:46 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89192" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2010/06/244754_web.jpeg[/caption]

La Borgogna è la prossima candidata a diventare zona vinicola patrimonio mondiale dell'Unesco. Lo ha dichiarato il Ministero dell'Ecologia e della Cultura francese che ha avviato le prime pratiche per la richiesta, appoggiato dai vignerons locali, prima tra tutti Aubert de Villaine della Romanée Conti.

 

Tra le m

Pubblicità

otivazioni che ne fanno una candidata papabile, la presenza di uno dei più antichi vitigni del mondo, il Clos de Bèze del 640A.C.  In Francia al momento ci sono 37 siti inseriti nella lista (tra cui i vigneti di Saint Emilion) e la cucina francese, così come la dieta mediterranea italiana, è stata inserita nel 2010 lista del Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

 

Ma il precorso non è facile, tanto che per due volte la regione della Champagne si è vista negare il riconoscimento. A separare la Borgogna dalla lista Unesco adesso ci sono 18 mesi di attesa in cui i 21 stati membri dell'Unesco dovranno decidere all'unanimità per l'inserimento o l'esclusione. Il responso a luglio 2013.

Pubblicità

 

Prima invece dovrebbe arrivare la risposta per l'Italia che aveva già  candidato le Colline del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene, il territorio delle Langhe e Roero e la vite ad alberello di Pantelleria. 

 

di Loredana Sottile

Pubblicità

26/01/2012

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X