Market wines: Basilicata

22 Nov 2012, 17:35 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_92192" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/01/263185_web.jpeg[/caption]

Dopo la Puglia del bere bene a costo modico è la volta della qualità enologica della Basilicata, una terra conosciuta soprattutto per l'area dell'Aglianico del Vulture, sempre più denominazione regina e vera e propria realtà su cui tendono le produzioni regionali. D'altro canto sembra ampliarsi il des

Pubblicità

iderio di elaborare una nuova chiave stilistica ed espressiva del mondo vinicolo: nascono nuove cantine, vengono avviate iniziative di grandi gruppi privati e cooperativi e piccoli artigiani del settore continuano ad operare in sottozone. Un panorama variegato che trova comunque delle difficoltà di riuscita. I motivi sono molteplici: dalla crisi economica che ha colpito la zona del Vulture ad una svolta del mercato che ricerca vini più freschi e bevibili, meno segnati dal legno o dai tannini duri, come invece si sono presentati gli Aglianico negli ultimi tempi. Nonostante tutto molti produttori e vini continuano a distinguersi nelle vendite grazie all'attenzione che si riversa nelle vigne e all'attento lavoro di allevamento, produzione e maturazione dei prodotti. Accanto alla zona vinicola del Vulture, uno sguardo di interesse va rivolto alla zona del materano, dove la ricerca di un'identità vitivinicola porta i cantinieri del luogo a ricercare con passione le loro tradizioni e uvaggi. I vini che questa settimana ci hanno colpito per la loro struttura, corpo e bevibilità sono stati Balconara 2009 di D'Angelo di Filomena Ruppi, Aglianico del Vulture La Bottaia 2008 di Casa Maschito e, infine, Aglianico del Vulture Teodosio 2010 di Basilisco.

 

Pubblicità

Donato D'Angelo e la moglie Filomena Ruppi lavorano da qualche anno i vigneti attorno a Barile e Rionero in Vulture, nella zona della classica denominazione. Qui con cura e amore per la propria terra producono non solo Aglianico, ma anche nuovi assemblaggi come il Balconara 2009, un blend di aglianico e cabernet sauvignon. Un vino fruttato e speziato al naso, ricco di sfumature floreali e terrose, che nonostante il suo carattere si presenta fresco, elegante, nitido e piacevole. Stapparlo con una succulenta tagliata di manzo è quasi automatico. Costo €16

 

Nel Cuore delle colline del Vulture, in un territorio scavato dal magma vulcanico, si sviluppano vigneti dell'azienda Casa Maschito. Un terreno ricco di ciottoli e sabbie silicee, una piovosità ridotta, oltre ad una prolungata esposizine solare durante tutto l'anno, conferiscono ai vini locali un carattere spiccato e molto legato al terroir. Il vino scelto è prodotto da uve aglianico, simbolo vitivinicolo della regione, ed è la Bottaia 2008. Frutto nero e intenso, con una leggera speziatura al naso, si aprono in un palato fruttato, sapido e minerale. A colpire è il corpo di questo vino, davvero polposo, ma allo stesso tempo teso e vivace. Un ottimo modo per avvicinarsi al carattere di uno dei vitigni storici del nostro Paese, l'aglianico appunto, probabilmente introdotto dai greci con il nome di Hellanica. Costo €12

Pubblicità

 

Da qualche anno l'azienda Basilisco è confluita nella Feudi di San Gregorio: unione che prosegue nella ricerca dell'eleganza e della profondità dei vini. La gestione continua ad essere nelle mani di Michele Cutolo che, con l'aiuto dell'enologo Lorenzo Landi, alleva i vigneti in contrada Macarico e Gelosia, zone situate su suoli vulcanici a 450 metri di altitudine nei territori del Vulture. L'Aglianico del Vulture Teodosio 2010 è davvero un ottimo vino, presenta note terrose e sentori di frutti rossi, profumazioni forse ancora giovani e poco espresse. Al palato è semplice e scorrevole. Ideale con carni alla griglia, formaggi stagionati, caciocavallo, primi piatti al ragù. Prezzo € 12.50

Stefania Annese e Alessio Noè

23/11/2012

 

 

 

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X