Operazione Mercato Centrale di Firenze, mancano poche ore alla posa della prima pietra in San Lorenzo. Come da nostra anticipazione

3 Dic 2013, 10:28 | a cura di Saverio De Luca
Tutto incentrato sui prodotti che hanno reso grande la toscanità in Italia e nel mondo. Botteghe, bar e ristoranti, ma anche una scuola di cucina e una libreria, ecco la città che ritorna alle sue origini e riscopre il piacere dello stare insieme in un luogo ricco di stimoli, sapori e odori.
Pubblicità

Ne parlammo qualche settimana fa, nell'anticipazione del 23 ottobre, oggi la cosa è ufficiale: la posa della prima pietra è prevista per le ore 12 di giovedì 5 dicembre. Da quel momento i lavori proseguiranno per portare alla città il suo mercato gastronomico. Si tratta dell’operazione MCF, ovvero Mercato Centrale di Firenze. Quasi tremila metri quadrati in vetro e ghisa saranno ristrutturati e modernizzati. All’interno della struttura botteghe, ristoranti e bar sorgeranno a fianco di una scuola di cucina, una libreria e una banca. Due i livelli da vivere all day long, sino a tarda sera, quando alle attività di compravendita si sostituiranno quelle ludico didattiche con proiezioni e iniziative culturali.Motore trainante del progetto? L’autenticità dei sapori. Eccellenze gastronomiche accuratamente selezionate, produzioni a chilometro zero, tanta toscanità e biodinamicità saranno il fulcro intorno al quale si muoverà la proposta della grande piazza coperta.
Del progetto se ne occupano tre nomi come Umberto Montano, Claudio Cardini e Aldo Settembrini, tre imprenditori visionari che insieme daranno vita a una sfida incentrata sulla Città per restituire un ruolo centrale a uno degli storici spazi fiorentini più interessanti e sentiti. Ed è così che a Firenze si respira un’aria che sa tanto di internazionalità, così come Londra, Parigi, Budapest, Vienna, Madrid, Barcellona, New York, anche il capoluogo toscano avrà il suo centro nevralgico coperto 365 giorni l’anno, e non sarà una downtown dedicata a uffici e a speculazioni di borsa. Ma un grande luogo di incontro e confronto, esattamente nello spirito del mercato, in cui gli artigiani del gusto e della ricerca proporranno le proprie opere tra show cooking e slow tasting. Ma il 5 dicembre sarà anche un appuntamento che vuole celebrare tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione di questo grande progetto e reso concretamente possibile il suo primo passo. Si parla delle istituzioni e del Comune di Firenze, le associazioni del Mercato al piano terra e di quartiere e, in primo piano, al primo piano, i protagonisti del Mercato Centrale Firenze cioè gli artigiani che con il loro lavoro e le loro botteghe accenderanno di vita la piazza dell’eccellenza.

Leggi anche
http://www.gamberorosso.it/app/item/1018528-il-mercato-centrale-di-firenze-come-san-miguel-a-madrid-quasi-tutto-pronto

Info
http://sanlorenzobarcamp.net

Pubblicità
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X