Lo chef tapasista sevillano Manuel Sanchez Jimenez sarà alla guida del nuovo tapas bar del prestigioso hotel di piazza Ognissanti, dove la ristorazione gourmet è affidata a Matteo Lorenzini. Il gruppo Starwood continua a prendere per la gola i propri ospiti. E non solo. 

Pubblicità

Tapas vista Arno

Un calice di Sangria per brindare all’apertura del Quisitapas, il nuovo tapas bar del Westin Excelsior di Firenze, che ha aperto da qualche ora in piazza Ognissanti, con vista privilegiata sull’Arno. Il gruppo Starwood, che ha già in scuderia gli chef Matteo Lorenzini – al Se.sto del Westin – e Valeria Piccini – al Winter Garden del St. Regis – ha aggiunto la ciliegina sulla torta: è Manuel Sanchez Jimenez, chef ventinovenne sevillano, tapasista pluripremiato, finora ai fornelli dello storico hotel Alfonso XIII di Siviglia. Tapas di lusso in porzioni abbondanti e prezzi contenuti, l’accoglienza e il savoir faire di uno degli hotel più eleganti della città e uno scenografico dehor affacciato sul Lungarno Vespucci: questi i motivi che dovrebbero invogliare anche i fiorentini più ostici. Aperto a pranzo, aperitivo e cena, ma anche per uno spuntino ininterrottamente dalle 13 alle 24, perché per gli spagnoli il tapeo non ha orario.

Il menu

Il menu propone circa 15 tapas tipicamente spagnole con alcune personali interpretazioni e l’utilizzo di prodotti locali; per i palati meno avvezzi alla novità anche tapas italiane pensate dallo chef di casa Giuseppe Dalla Rosa. Come vuole la tradizione di famiglia andalusa, appena seduti si ordina una Copa de Gazpacho. Quello semiliquido, da bere, da non confondere con il salmorejo, una crema di pomodoro più densa. Voglia di pan con tomate? La prima voce in carta è ilJamón ibérico de bellota guarnecido con variedad de tostas, aceitunas y tomate triturado. A seguire il Pulpo a la gallega, la Tortilla española con pimientos de padrón, l’Autentico serranito de pluma ibérica con patatas pajas, la Paella valenciana de marisco, il Bacalao confitado con arroz negro de chipirón y aire de la campiña, il Capuchino ibérico al aroma de trufa. Dessert immancabile, la Crema catalana in versione di cremosa espuma eMélon y sandía a la menta come frutta.

 Il menu è in lingua spagnola e inglese, ma il giovane sommelier abruzzese Fabio Massacci saprà sciogliere ogni vostro dubbio, oltre a suggerirvi da una carta non estesa ma ragionata buone etichette del territorio iberico, anche ecologicós (biodinamici). Gli habitué dell’Andalusia ordineranno una Manzanilla, i più curiosi un cocktail, al bicchiere o in caraffa, come si usa fare con la Sangria. Finalmente un angolo di Spagna autentico in riva d’Arno.

Pubblicità

 

Quisitapas | Firenze | The Westin Excelsior, piazza Ognissanti, 3 | tel. 055 27152781 | www.westinflorence.com

 

a cura di Paola Mencarelli

Pubblicità