La storica Enoteca Ferrara organizza spesso brunch a tema, ma quello di domenica ha visto qualcosa in più, è stato dedicato ai bambini bisognosi di cui si occupa la Comunità di S. Egidio con il progetto Dream. Ed è stato un successo
Pubblicità

Nel cuore del quartiere romano di Trastevere, domenica 15 dicembre, è andato in scena il Baby Brunch. Una colazione di tarda mattinata che ha visto protagonisti i bambini e il loro genitori. Ai più piccini è stato chiesto di portare due giocattoli usati per prendere in cambio uno. A Piazza Trilussa l’Enoteca Ferrara ha festeggiato i sui venticinque anni trasformando per un giorno la storica meta della movida capitolina in un luogo dedicato ai più bisognosi. È in particolare ai bambini in difficoltà, infatti, che è stata rivolta l’iniziativa Baby Brunch. Ai piccoli ospiti che sono intervenuti è stato chiesto di donare due giocattoli usati per prenderne in cambio uno. Tutti i giocattoli raccolti sono stati consegnati al movimento Paese dell’Arcobaleno che si occuperà di venderli e devolvere tutto il ricavato al progetto Dream con cui la Comunità di S. Egidio finanzia progetti per la cura dell’Aids in Africa. Sempre per i piccoli ospiti dell’enoteca trasteverina sono stati organizzati giochi e attività di gruppo e un baby buffet del costo di 15 euro in cui è compresa anche l’animazione con assistenza al pranzo e tanti giochi entusiasmanti come il truccabimbi, scoppia il palloncino, musichiere, gioco dei mimi, bimbo bomba, attacca le mollette, baby dance, crea Babbo Natale e tanto altro ancora. Anche le per le mamme e i papà che hanno accompagnato i loro piccoli sono state previste attività altrettanto interessanti. Per loro è stato infatti organizzato un ricco buffet con prodotti dell’eccellenza gastronomica italiana di cui l’Enoteca ha fatto ormai da anni il suo punto di forza, da degustare in gruppo mentre i piccoli si cimentavano nei giochi. Il costo in questo caso è stato di 25 euro. Dalle ore 18 ha fatto il suo ingresso la cioccolata calda con panna e la biscotteria. E non sono mancate caldarroste e vino. “Sono rimasta molto colpita dalla buona riuscita dell’evento” ci ha detto Lina Ferrara, una delle due titolari dell’Enoteca. “Di solito i bambini non rinunciano volentieri ai loro giocattoli, anche se vecchi. In questo caso però l’hanno fatto con passione perché portandone due ne potevano scegliere uno tra gli altri ed è bastato questo per renderli felici. Ci hanno stupito due cose in particolare, alcune famiglie si sono presentate con giocattoli nuovi comprati proprio per l’occasione, mentre in un altro caso una mamma ci ha portato un girello per i primi passi praticamente nuovo. È stato bello vedere l’alto livello di partecipazione di queste famiglie e dei loro piccoli, per questo abbiamo deciso di replicare al più presto”.

Roma | Enoteca Ferrara | piazza Trilussa 41 | 06.58333920 | www.enotecaferrara.it

dream.santegidio.org

Pubblicità