Nei panni del Willy Wonka della pasticceria spagnola, il più giovane dei tre fratelli Roca esporta a Madrid il concept ideato con la moglie Alejandra Rivas per sperimentare con il gelato, divertendosi. Nell'area Gourmet Experience del Corte Ingles la gelateria-boutique offrirà, a prezzi popolari, sei gusti differenti e due ghiaccioli, ma anche croissant e dolci fai da te.
Pubblicità

IL CONCEPT ROCAMBOLESC

Ormai manca poco all’apertura della nuova Gourmet Experience che catalizzerà i palati più curiosi di Madrid (e di tutti i turisti che arrivano ogni giorno in città) all’ultimo piano del Corte Ingles di Calle Serrano, nel quartiere di Salamanca. Sapevamo già che l’occasione sarebbe stata imperdibile per la compresenza in unico (grande) spazio di tre grandi protagonisti della scena gastronomica spagnola – David Munoz, Jordi Roca e Roberto Ruiz – ognuno portatore di un concept di cucina ben definito.
E se il tristellato Munoz gioca in casa, direttamente da Girona sbarca in Castiglia il più giovane dei fratelli Roca, segnando la prima avventura del consolidato brand (ai vertici della ristorazione mondiale) al di fuori della Catalogna.
Nella capitale spagnola Jordi porta il progetto Rocambolesc, che tanto successo di pubblico e critica ha già riscontrato nella cittadina catalana d’origine, da quando nel 2012 la prima sede aprì nel centro di Girona, per raddoppiare l’anno seguente in Playa de Aro. Di cosa si tratta? Di una gelateria-boutique. E non potrebbe essere altrimenti, dal momento che l’idea originale è frutto della collaborazione del talentuoso pasticcere con la moglie messicana Alejandra Rivas, anche lei pasticcera esperta.

SEI GUSTI E DUE GHIACCIOLI FIRMATI JORDI ROCA

Pubblicità

Ispirato nelle atmosfere al film di Tim Burton che qualche anno fa portò sul grande schermo il fantastico mondo di Willy Wonka e la sua fabbrica di cioccolato, il locale (progetto di Sandra Talluera, designer del Celler) proporrà gelato di qualità in sei gusti differenti – panettone (una brioche ripiena di gelato caldo), vaniglia, cioccolato, yogurt, mele al forno e un sorbetto di carota con arancia e albicocca – realizzati in modo completamente artigianale. Disponibili anche svariati e originali topping in abbinamento, dalla frutta disidratata alle gallette sbriciolate.
Al centro, dominerà la scena il carretto dei gelati che è anche il simbolo del progetto, nato dalla volontà di tradurre l’idea del carrello dei dolci presentato a fine pasto in una forma di pasticceria più informale, riversando la creatività riposta nei dolci del Celler de Can Roca nella lavorazione del gelato, che ricreerà di volta in volta i dessert sperimentati da Jordi al ristorante.
Ma non solo gelato da passeggio: nel locale madrileno sarà possibile sedersi per apprezzarlo in tranquillità o accompagnarlo con un caffè, in coppa o cialda. E due ghiaccioli: il Gelato Oscuro in omaggio a Darth Vader e la RocaTocha che scherza sul naso importante di Jordi. In estate arriverà anche la versione che omaggia Madrid (e il suo simbolo, l’orso di Puerta del Sol ghiotto di corbezzolo): un ghiacciolo a forma d’orso al gusto di corbezzolo.
Il locale accoglierà inoltre la “factoria Roca”, una novità ideata per servire croissant e madeleine (al cioccolato, olio d’oliva o mandorle e arancia), cioccolato e dolci “ikea”, da acquistare e comporre a casa.
 

Rocambolesc | El Corte Ingles, Calle Serrano 52, Madrid | www.rocambolesc.com