Se Sotheby's mette all'asta fine wine tramite eBay

5 Ago 2014, 13:56 | a cura di Livia Montagnoli
La partnership riguarderà le vendite al di fuori di Londra e New York per rafforzare la presenza online della casa d’aste inglese e arricchire contemporaneamente il catalogo di beni di lusso di eBay.
Pubblicità

Accordo Sotheby's-eBay per la vendita di fine wine e di altri pezzi da collezione. Non c'è ancora un calendario ufficiale delle nuove aste on line, ma pare che già dal mese di agosto sulla piattaforma di e-commerce ci sarà una sezione dedicata alle vendite all’incanto. In linea di massima, la partnership riguarderà le vendite al di fuori di Londra e New York e avrà da una parte l'obiettivo di rafforzare la presenza on line della famosa casa d'asta inglese (convinta probabilmente dagli ottimi risultati ottenuti dalle vendite a distanza, soprattutto con i collezionisti asiatici), dall'altra servirà a eBay per arricchire il suo catalogo di beni di lusso. “Quando si combinano l'inventario di Sotheby's con la piattaforma tecnologica di eBay” ha commentato Denis Wenig, presidente di eBay “l'accesso ai prodotti migliori è garantito da qualunque luogo e dispositivo del mondo, in qualunque momento”. A dirla tutta, nei mesi scorsi il famoso sito di e-commerce è finito sotto accusa per la vendita di improbabili wine-kit di famose denominazioni italiane, tra cui Barolo e Verdicchio. Problema, pare, superato con un accordo tra il Mipaaf, eBay e l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche (AICIG) per la segnalazione di episodi irregolari e la rimozione immediata dei relativi annunci. Inoltregià da qualche anno eBay è di fatto è entrato nel business di vino, con le dovute limitazioni dovute alle restrizioni statunitensi sulla vendita e il trasporto di alcolici e alle leggi divergenti da Stato a Stato. Fino a questo momento la bottiglia più costosa venduta sul marketplace americano è un'imperiale (6 litri) di Chateau Mouton Rothschild 1988 Cult Wines, prezzo di 9,500 dollari. Ma, c'è da starne certi, con il nuovo accordo, la posta in gioco si alzerà. E di parecchio.

A cura di Loredana Sottile

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X