Dal 23 al 27 ottobre il Lingotto Fiere si trasforma in un poliedrico universo del gusto, chiamando a raccolta i protagonisti del panorama enogastronomico e i Paesi del mondo per riflettere sul tema dell’alimentazione e sulla risorsa dell’agricoltura familiare. Ricchissimo il calendario di appuntamenti, tra laboratori, lezioni di cucina, proiezioni di film, pizzaioli all’opera, incontri con gli chef.
Pubblicità

L’evento più atteso del calendario enogastronomico italiano è alle porte. Si apre il 23 ottobre l’edizione 2014 del Salone del Gusto e Terra Madre, che riunisce per cinque giorni (fino a lunedì 27) tutte le forze e le realtà del settore, accogliendo delegazioni e culture da tutto il mondo.
Una manifestazione sostenibile che quest’anno concentrerà la sua riflessione sulla definizione di agricoltura familiare – che produce l’80% di cibo consumato dalla popolazione mondiale – che trova voce grazie al supporto di Slow Food, attiva in Italia e all’estero per tutelare e valorizzare le piccole imprese e le aziende agricole familiari. Tantissime le esperienze e le storie riunite al Lingotto Fiere di Torino, che come ogni anno ospiterà un fitto programma di appuntamenti, laboratori, attività per gli addetti ai lavori e il grande pubblico.
Ci saranno naturalmente tutte le eccellenze dell’enogastronomia made in Italy e i suoi protagonisti – chef (Enrico Crippa, Massimo Bottura, Pascal Barbot, Mauro Uliassi, Gennaro Esposito e molti altri) produttori, artigiani, pizzaioli, pasticceri e via dicendo – per avviare un dibattito sul tema dell’alimentazione che agisca da volano per l’appuntamento con l’Expo 2015.
E si approfondirà una tematica cara a Slow Food come quella della biodiversità; nello spazio dell’Arca del Gusto saranno raccolti tutti i sapori e le varietà agroalimentari che stanno scomparendo: tutti potranno contribuire alla causa, portando con sé un prodotto che si intende preservare dalla minaccia di estinzione. E lo spazio dell’Oval – con percorsi sensoriali dedicati a non vedenti e ipovedenti – accoglierà un migliaio tra cereali, legumi, formaggi, pani, dolci e altri alimenti provenienti da sessanta Paesi del mondo, patrimonio della biodiversità.
Ma la grande novità del Salone 2014 è lo spazio didattico della Fucina Pane&Pizza, dove maestri pizzaioli e panettieri insegneranno l’arte della lievitazione e dell’impasto. E poi più di cento laboratori del gusto, degustazioni guidate, la mixology dei migliori barman internazionali, la scuola di cucina con insegnanti d’eccezione (tra loro Massimo Bottura, Niko Romito, Moreno Cedroni, Davide Scabin, Massimo Spigaroli, Aldo Zivieri, Fabio Picchi), le proiezioni cinematografiche e gli spettacoli serali. E moltissime iniziative fuori Salone per scoprire una Torino che si trasforma nell’universo del gusto per cinque giorni.

Salone del Gusto e Terra Madre | Lingotto Fiere, via Nizza 280, Torino | Dal 23 al 26 ottobre dalle 11 alle 23. Il 27 ottobre dalle 11 alle 20 | Biglietto intero 20 euro (abbonamento cinque giorni 60 euro) | www.salonedelgusto.it