Dal 15 al 18 settembre i Giardini Pensili progettati da Renzo Piano ospitano ancora una volta un parterre di chef d'eccezione in rappresentanza delle tavole gourmet della Capitale. Formula che vince non si cambia, con qualche bella novità: il Charity Restaurant e la Vip Lounge con Gigi Nastri. 

Pubblicità

Cucina gourmet per tutti

L’appuntamento è previsto per la metà di settembre, quando dopo la pausa estiva sarà proprio Taste a inaugurare una nuova stagione di manifestazioni enogastronomiche. Ma nomi e principali novità della prossima edizione capitolina del festival giramondo ideato da Brand Events Italy (che proprio quest’anno aggiunge un altro tassello alla mappa, sbarcando a San Paolo del Brasile), come di consueto, vengono resi noti con largo anticipo. E l’obiettivo della conferenza di mezza estate tenutasi stamattina all’Auditorium Parco della Musica – che da diverse edizioni ospita Taste of Roma, riservandogli lo spazio dei Giardini Pensili – è proprio quello di ingolosire il pubblico preannunciando gli highlight di un’iniziativa che sin dalle origini proprio a una platea trasversale si rivolge offrendo cucina gourmet per tutte le tasche. Anche la quinta edizione romana del festival, dal 15 al 18 settembre, garantirà agli chef coinvolti – tutti arruolati sul territorio di riferimento – un palcoscenico importante per farsi conoscere anche dal pubblico che solitamente non frequenta i ristoranti di un certo profilo, ma in occasione di questo grande luna park gastronomico riscopre la curiosità per il cibo e si appassiona alle storie degli chef che lo raccontano in prima persona.

Le novità. Il Charity Restaurant

Il mix è quello di sempre: assaggi, show cooking, lezioni di cucina, chef’s table, degustazioni accessibili a tutti o esperienze esclusive. La novità principale, invece, arriva da Milano, dove l’ultima edizione di Taste of Milano ha sperimentato con successo la formula Charity Restaurant, uno spazio riservato alla cucina che sa fare del bene: il ristorante solidale si unirà alla formazione tradizionale, presentando un menu di quattro portate frutto della collaborazione tra Anthony Genovese, Gianfranco Pascucci, Massimo Viglietti e Oliver Glowig. Ognuno di loro ha ideato una portata e tutto il ricavato sarà devoluto in beneficenza ad associazioni come il WWF Oasi per Terre dell’Oasi, che vuole tutelare la biodiversità attraverso la commercializzazione di prodotti biologici coltivati nelle aree protette. E molto si insisterà sul valore del prodotto made in Italy, trait d’union dell’intera manifestazione.

 

Pubblicità

Gli chef di Taste of Roma 2016

Per quanto riguarda il parterre di chef coinvolti, tra i nomi che prenderanno parte a Taste of Roma 2016 sono tanti gli abituée del festival: Adriano Baldassarre (Tordomatto, appena tornato in pista sulla piazza romana e alla prima esperienza con Taste), Alba Esteve Ruiz (Marzapane Roma),Alessandro Narducci (Acquolina, anche lui al battesimo dell’Auditorium dopo aver preso le redini del ristorante di Corso Francia lasciato da Terrinoni), Andrea Fusco (Giuda Ballerino), Angelo Troiani (Il Convivio Troiani), Cristina Bowerman (Glass Hostaria), Daniele Usai (Il Tino), Davide Del Duca (Fernanda Osteria, altra new entry), Francesco Apreda (Imago all’Hassler), Giulio Terrinoni (Per me), Heinz Beck (La Pergola-Hotel Rome Cavalieri), Roy Caceres (Metamorfosi) e Stefano Marzetti (Mirabelle Hotel Splendide Royal). Carta dei vini curata dell’Enoteca Trimani, storico partner della manifestazione. E anche la modalità di pagamento, in Sesterzi su card ricaricabile, non cambia. Tutti i piatti saranno in vendita a un costo tra 5 e 7 euro, a eccezione delle cosiddette “icone”, proposte a 10 euro.

 

Cocktail, finger, ostriche e champagne con Gigi Nastri

Molto apprezzate dai romani nelle scorse edizioni, tornano anche le iniziative collaterali che garantiscono divertimento e nuove occasioni per imparare a muoversi in cucina sotto la guida dei professionisti del settore, dalla scuola di panificazione ai Blind taste, dall’Electrolux Chefs’ Secrets all’area dedicata ai bambini. Con sorpresa riservata agli ospiti della Vip Lounge, dove Gigi Nastri ricreerà l’atmosfera di Stazione di Posta, viziando il pubblico con cocktail, finger food, ostriche (in arrivo da Megliofresco) e champagne. In attesa di scoprire i piatti ideati dagli chef, i biglietti saranno disponibili per l’acquisto dall’11 luglio sul sito dell’iniziativa.

 

Pubblicità

Taste of Roma 2016 | Auditorium Parco della Musica, Giardini Pensili, via Pietro de Coubertin, 30 | dal 15 al 18 settembre | ingresso 16 euro | www.tasteofroma.it