Restaurant man, star televisiva, cantante on the road... E scrittore. In libreria arriva il nuovo ricettario di Joe Bastianich, che racconta la sua America a tavola, dal Juicy Lucy alla Cheesecake. 

Pubblicità

Tutte le vite di Joe Bastianich

In attesa di ritrovarlo nella cucina di Masterchef, Joe Bastianich arriva in libreria con un nuovo annunciato best seller. Per dir la verità il restaurant man più famoso del mondo non ha mai smesso di regalare ai suoi fan apparizioni più o meno attinenti al ruolo che si è ritagliato da qualche anno a questa parte, quando da brillante imprenditore della ristorazione di “nobile stirpe” con la passione per la musica è passato a rivestire il modello perfetto di selfmade man: brillante, spigliato, capace, piacente e particolarmente amato dalla telecamera.

Così negli ultimi mesi abbiamo visto il severo giudice italoamericano nei panni del compassato giurato di manifestazioni nazionalpopolari come Miss Italia, al fianco di Belen Rodriguez sui rotocalchi scandalistici che ci hanno raccontato proprio tutto dell’insolita società dietro al ristorante Ricci di Milano, in tour per l’Italia con una chitarra sotto braccio, sul podio del Premio Bancarella per la Cucina per Giuseppino, scritto a quattro mani con Sara Porro per ripercorrere la storia di un ragazzino figlio di emigrati friulani a New York alle prese con l’amore/odio per il ristorante di famiglia. Tra un’apparizione televisiva e l’altra Bastianich continua a macinare numeri con i suoi ristoranti in giro nel mondo (Orsone compreso, a Cividale del Friuli di fronte ai vigneti di famiglia)… E a scrivere libri.

Il nuovo libro. Ricette made in USA

Dopo Restaurant Man (Rizzoli, 2012), esce in questi giorni in libreria Te la do io l’America, poco più di 200 pagine edite da Rizzoli per raccontare 50 ricette andata e ritorno tra l’Italia e New York. Un viaggio a stelle e strisce in compagnia di un cicerone che della grande metropoli conosce tutti gli angoli nascosti e con la ristorazione americana – come con le abitudini alimentari dei suoi abitanti – fa i conti da una vita. Un ricettario, quindi, ma anche di più, per scoprire i piatti tradizionali dell’America che Joe ha respirato negli anni Settanta e Ottanta e le ultime tendenze che impone il mercato, come il Veggie Burger. Ma bisogna ammettere che la maggior parte delle ricette proposte da Joe strizzano l’occhio alle pietanze più goduriose dell’american style, indugiando particolarmente sullo street food, dal panino Meatball Grinder (ottimo dopo una sbronza) al Juicy Lucy, una variante hard del cheeseburger, che il formaggio lo mette persino dentro alla carne.

Pubblicità

Poi ci sono cavalli di battaglia made in USA ed esportati in tutto il mondo come la Caesar Salad (inventata da un italiano fuggito in Messico durante il proibizionismo, parola di Joe), la Cheesecake, l’hot dog. Il Natale si avvicina e Te la do io l’America schizzerà in vetta alla classifica delle idee regalo in libreria. Scommettiamo?

 

Te la do io l’America | di Joe Bastianich | Rizzoli | 208 pagine | 18,50 euro