Un fiume di birra nel sottosuolo di Bruges. Il birrificio De Halve Maan realizzerà un avveniristico birradotto

6 Ott 2014, 13:24 | a cura di Livia Montagnoli
Il progetto dell’ultimo storico laboratorio brassicolo attivo nel centro della Venezia del Nord, già approvato dall’amministrazione municipale, consentirà di ridurre il traffico di mezzi di grossa cilindrata nel cuore della cittadina, garantendo il trasporto della birra da imbottigliare nello stabilimento in periferia direttamente attraverso un condotto sotterraneo lungo tre chilometri. Oggi circa 500 camion al giorno sono necessari per garantire l’operazione.
Pubblicità

È denominata, non a torto, la Venezia del Nord, la città di Bruges: una realtà urbanistica ferma all’epoca medievale che evoca un passato di grande fermento economico, artistico e culturale cristallizzato tra le acque del reticolo di canali navigabili. A poco più di un’ora di treno da Bruxelles, Bruges (patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2000) è una delle mete turistiche più apprezzate del Belgio, la cui fama gastronomica si lega principalmente a tre elementi: il cioccolato, moules et frites (le celebri cozze con patatine fritte) e la birra, indubitabile protagonista dell’economia locale.
Tra tetti spioventi e facciate di mattoncini colorati, il birrificio De Halve Maan è l’unico storico (fondato nel XVII secolo) stabilimento ancora attivo nel centro di Bruges, non senza qualche problema per la gestione del traffico locale – e evidenti ripercussioni sulla salubrità dell’aria - dato il passaggio costante per le vie limitrofe di cinquecento camion adibiti al trasporto dei fusti destinati all’imbottigliamento della birra fuori città, da quando nel 2010 l’antico stabilimento ha cessato di imbottigliare in loco la celebre “De Brugse Zot”.
Ma grazie all’ingegnoso progetto recentemente approvato dall’amministrazione municipale la spola tra lo stabilimento di produzione e la periferia cittadina non sarà più necessario: un “fiume” di birra (come per ironia della sorte preannuncia il detto popolare) scorrerà nel sottosuolo di Bruges, grazie alla realizzazione di un condotto sotterraneo lungo circa tre chilometri adibito al trasporto della Belgian Ale dal laboratorio brassicolo all’impianto d’imbottigliamento. Per il completamento del birradotto occorrerà qualche anno di lavoro – e l’impiego delle più avanzate tecnologie perfezionate per il trasporto di olio e gas - ma questo consentirà di ridurre dell’85% il passaggio di mezzi di grossa cilindrata in città e trasportare ben quattro milioni di ettolitri di birra a pieno regime.

www.halvemaan.be/en/home

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X