Francia ottimista, verso i 46 milioni di ettolitri, nonostante il meteo sfavorevole degli ultimi mesi. E intanto in Napa Valley è iniziata la raccolta.
Pubblicità

Estate, è tempo di previsioni vendemmiali. Ottimista la Francia: secondo il primo bollettino di FranceAgriMer la produzione 2014 dovrebbe raggiungere i 46,4 milioni di ettolitri, nonostante il meteo degli ultimi mesi non sia stato troppo clemente. Se le stime fossero confermate, l’aumento sul 2013 sarebbe del 9,5%. Lo scorso anno, infatti la produzione si era fermata a 42,37 milioni di ettolitri, costringendo la Francia ad accontentarsi della terza posizione, dietro Spagna e Italia. Per questa vendemmia, invece, particolarmente positiva appare la previsione per il Bordeaux: 5,63 milioni di ettolitri, +50% rispetto allo scorso anno. Più critica, invece, la situazione per Borgogna e Beaujolais che stanno risentendo maggiormente della grandine delle scorse settimane, e per Languedoc-Roussillon per via della diffusa siccità.
Spostandoci di continente, The Napa Valley Vintners Association annuncia che i produttori californiani hanno da qualche giorno iniziato la vendemmia, con poco anticipo rispetto allo scorso anno. Le previsioni lasciano ben sperare, con una raccolta abbondante e di buona qualità, nonostante i lunghi periodi di siccità. Merito, probabilmente, delle provvidenziali piogge tardive di primavera.