Sarà presentata in contemporanea nel mondo il prossimo 26 ottobre l’opera prima dello chef dell’Osteria Francescana, ambasciatore della cucina italiana a livello internazionale. Una coedizione L’Ippocampo e Phaidon che racconterà la storia degli ultimi venticinque anni di Massimo Bottura, trascorsi nella cucina del pluripremiato ristorante modenese. Quarantotto ricette per rivelare ispirazione, tecniche e ingredienti di un grande chef.
Pubblicità

È vero, ormai che un cuoco si cimenti con la redazione di un libro non stupisce più, lontano nel tempo lo stereotipo del cuciniere dedito esclusivamente ai fornelli. E il recente (e crescente) fenomeno di mitizzazione della figura dello chef ha sicuramente giocato a favore dell’editoria gastronomica italiana, che – solo considerando gli ultimi tempi e i big dell’alta ristorazione – può vantare la pubblicazione di libri importanti, come la biografia di Enrico Crippa, alla guida di Piazza Duomo ad Alba, o il volume fotografico (in uscita proprio in questi giorni) che immortala la vita in cucina di Anthony Genovese, pluripremiato chef del Pagliaccio di Roma.
Ma c’è grande attesa per la prova editoriale di Massimo Bottura, che il prossimo 26 ottobre presenterà al mondo la sua importante opera prima dedicata all’arte culinaria italiana e al mondo della gastronomia tout court, dal titolo emblematico Vieni in Italia con me, coedizione L’Ippocampo e Phaidon (nota casa editrice inglese). Il testo è un omaggio alla carriera più che ventennale dello chef (venticinque anni sono passati dall’inizio dell’avventura dell’Osteria Francescana di Modena), impegnato a trasmettere la sua peculiare visione della tradizione culinaria, ambasciatore internazionale del made in Italy gastronomico.
Quattro i capitoli in cui si articola la narrazione – che segue l’evoluzione della Francescana e di Massimo Bottura in prima persona – intervallata da quarantotto ricette che rivelano ingredienti, tecniche e ispirazione di un talento fuori dal comune, che spesso attinge alla dimensione lirica e provocatoria al tempo stesso dell’arte contemporanea. È così che un bollito misto all’emiliana può trasformarsi nello skyline di Central Park, riassumendo il concetto caro al fuoriclasse modenese di Tradizione in evoluzione. Una filosofia ben consolidata che indirizza la visione dell’Osteria Francescana dal lontano 1995 e non smette di stupire i commensali che hanno la fortuna di accomodarsi alla tavola dello chef, ma anche appassionati e gourmet nel mondo. Le premesse perché il libro sia un successo ci sono tutte.

Vieni in Italia con me, Massimo Bottura | Edizione L’Ippocampo/Phaidon | Prezzo di copertina 39,90 euro | In uscita mondiale il 26 ottobre