Wine kit contraffatti per 24 vini italiani Dop e Igp

22 Ago 2014, 07:54 | a cura di Livia Montagnoli
Scoperta frode internazionale per 28 milioni di euro, che ha colpito in particolar modo Barolo, Amarone, Valpolicella. Sulle etichette contraffatte indicata la dicitura “vino italiano”, con il tricolore e l’immagine del Colosseo.
Pubblicità
Producevano e commercializzavano sui mercati internazionali wine kit contraffatti, indicando sulle etichette la dicitura "vino italiano" Dop e Igp, in particolare Amarone, Barolo, Valpolicella e altri. La scoperta è stata fatta dai carabinieri del Nucleo antifrode dei carabinieri (Nac) di Parma. Almeno 24 i vini italiani a denominazione e indicazione geografica risultati contraffatti. In particolare, sulle etichette veniva indicato “vino italiano” e sulle confezioni venivano utilizzati anche il tricolore e l’immagine del Colosseo. Il valore complessivo finora accertato della frode supera i 28 milioni di euro.
Due le società coinvolte: una italiana e l’altra estera, quest’ultima controllata e costituita per commercializzare i ‘Wine Kit’ in tutto il mondo, evitando le normative comunitarie e nazionali. Numerose le perquisizioni e diversi i sequestri da parte dei carabinieri di mosti destinati all’estero e di diversi documenti, che saranno utili alle indagini. Secondo quanto accertato, l'associazione a delinquere transnazionale gestiva direttamente dall’Italia tutti gli aspetti manageriali.
L'operazione, resa nota dal Mipaaf, ha coinvolto i Nac di Parma, in collaborazione coi reparti territoriali dei carabinieri, l’area antifrode della direzione interregionale dell’agenzia delle dogane e dei monopoli e il servizio antifrode dell’ufficio delle dogane di Reggio Emilia.

A cura di Gianluca Atzeni

 
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X