Una festa mobile dedicata alla cultura enologica, al buon cibo, al nomadismo urbano e alla contaminazione creativa per trasformare la città in un palcoscenico itinerante che celebri la passione per il vino e per la convivialità. Dal 6 al 20 maggio.
Pubblicità

Una festa mobile in tutta la città

Basterebbe la colazione sull’erba in compagnia di Marianna Vitale – sabato 9 maggio – per decidere di prendere un treno alla volta di Napoli e godere di un picnic d’eccezione sui prati del Circolo della Staffa (la storica Scuola di Equitazione Napoletana) coccolati da cestini gourmet e bollicine di Franciacorta (40 euro a persona e prenotazione obbligatoria ai recapiti del ristorante SUD). Ma l’edizione 2015 di Wine&thecity offre molto di più a chi nel periodo compreso tra il 6 e il 20 maggio dovesse trovarsi di passaggio a Napoli.
L’iniziativa incentrata sulla promozione della cultura enologica e gastronomica coinvolgerà l’intera città in un programma di degustazioni, incontri, assaggi, aperitivi, performance, itinerari urbani all’insegna della creatività e del bere di qualità in oltre cento location partenopee. Tutti coinvolti quindi in questa rassegna che riscopre nuovi spazi alla luce della contaminazione culturale tra generi diversi (arte, letteratura, gastronomia, shopping, design, teatro, musica) e del nomadismo inteso come “festa mobile”, chiamando in causa palazzi storici – a Palazzo Zevaglios di Stigliano si terrà la degustazione guidata dalle Donne del vino della Campania – sedi museali e luoghi suggestivi come le Catacombe di San Gennaro o il celebre Castel dell’Ovo (palcoscenico per l’installazione di Caterina Arciprete), ma anche case private, atelier, negozi, ristoranti, pizzerie e persino una stazione della metropolitana (Toledo, il 15 e 16 maggio) con l’installazione performativa Out of Order.

Gli appuntamenti da non perdere

Il 12 maggio il Coro giovanile del Teatro San Carlo accompagnerà gli aperitivi del Palazzo delle Arti di Napoli, dal 13 al 16 invece si protrarranno le degustazioni guidate di oltre ottanta aziende vinicole italiane (e più di cento etichette), ospiti presso negozi, gioiellerie, alberghi, ristoranti della città. Ma le iniziative sono davvero moltissime. Tra le più curiose, le escursioni in sella a Vespe d’epoca alla scoperta delle vigne metropolitane, le Degustazioni in alto mare alla volta della costa di Posillipo, gli aperitivi in banchina nel Borgo dei Marinari, le Cene nomadi di Datè che accolgono l’alta cucina nelle dimore di architetti e collezionisti, il circuito Pizza e Bollicine con la partecipazione di Contadi Castaldi che incontra la pizza napoletana e quattro celebri pizzaioli, Michele Leo, Enrico Lombardi, Ciro Salvo e Gino Sorbillo, che interpretano in tavola il tema dell’ebrezza, claim della manifestazione.
Si chiude il 20 maggio presso lo scenografico Scalone monumentale di Montesanto dove architetti, designer, musicisti e artisti si ritroveranno per animare la degustazione di vini del Sannio con le mozzarelle di bufala campana Doc del Consorzio di Tutela.

Wine&thecity | Napoli | dal 6 al 20 maggio 2015 | Per il programma completo www.wineandthecity.it