Cannolo salato al ragusano

In sintesi

Totale: 110 minPreparazione: 90 minCottura: 20 min
Portata: Finger Food
Ricetta di: Finger Food

Preparazione

CANNOLI. Impastare tutti gli ingredienti, a mano o a macchina, fino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo. Formare una palla, coprirla con pellicola
trasparente e lasciar riposare per un’ora circa. Utilizzando la macchina per la pasta stendere l’impasto in sfoglie sottili e ricavare dei dischetti di
6-8 cm di diametro. Avvolgere i dischetti intorno agli appositi cilindri di acciaio bagnando se necessario i bordi con acqua per farli aderire meglio. Friggere i cannoli in olio di arachidi ben caldo, scolarli e asciugarli su carta da cucina, ripetendo l’operazione fino ad esaurimento della pasta. Quando i cannoli saranno tiepidi staccarli delicatamente dai cilindri.

FARCIA. Tostare i pistacchi, sfregarli tra le mani per eliminare la pellicina residua e tritarli grossolanamente. Tagliare i pomodori secchi a dadini, metterli a bagno con due cucchiai d’acqua e due d’aceto per 10 minuti, scolarli, asciugarli e condirli con un filo d’olio e le foglioline di origano sminuzzate. Lavorare velocemente la ricotta con un pizzico di sale, una macinata di pepe e un filo d’olio. Amalgamare il ragusano grattugiato, i pistacchi e i pomodori. Riempire con il composto un sac à poche, farcire i cannoli e completare le estremità con le scaglie di ragusano.

VARIANTE
Un’alternativa più veloce è quella di non chiudere a cannolo i dischi di pasta, ma di friggerli “aperti” e presentare il finger come un piccolo millefoglie (o
cannolo aperto), alternando cioè in altezza i dischetti fritti e la crema di ricotta salata.

Due dei prodotti più rappresentativi della Sicilia, il cannolo e il formaggio ragusano, in un finger tanto insolito quanto appetitoso. Un bocconcino che
stupisce due volte i commensali. Prima perché apparentemente l’aspetto è quello classico del cannolo dolce; poi perché il sapore conquista e invita
ad un secondo assaggio. Come per la versione dolce, è preferibile farcire i cannoli solo al momento di servirli per mantenere le cialde ben croccanti
e fragranti. È inoltre possibile preparare le cialde con molto anticipo e conservarle in scatole di latta.

  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X