Carciofi fritti in due modi

Tempo
20 min di preparazione, 15 min di cottura
Dosi per
4 persone
Ingredienti
8 carciofi con le spine; 1 uovo; farina; fecola di patate. Olio di arachide per friggere.
Preparazione

Fritti dorati alla romana:

 

Tagliate quasi tutto il gambo di quattro carciofi poi togliete le foglie esterne più dure, eliminate la punta con un taglio netto e la scorza dura dal fondo. Dividete i carciofi in due, eliminate l’eventuale fieno interno e dividete ognuno in otto spicchietti, lasciandoli cadere in una ciotola con acqua acidulata con il succo di limone.

Scolateli, scuoteteli bene dall’acqua, infarinateli e metteteli in una scodella con l’uovo sbattuto. Scaldate abbondante olio in padella e friggete i carciofi, metà alla volta, fino a color oro intenso. Scolateli e passateli su un doppio foglio di carta da cucina. Spolverateli di sale e serviteli caldissimi.

 

In tempura:

 

Mondate nello stesso modo gli altri carciofi ma tagliateli sottili come descritto nella ricetta Torta di carciofi. Passate anche questi in acqua acidulata con succo di limone. In una scodella, diluite una manciata di fecola con poca acqua fredda e unitevi qualche cubetto di ghiaccio.

Dovrete ottenere una pastella molto fluida e molto fredda, quasi gelata. Infarinate leggermente i carciofi ben sgocciolati, passateli nella pastella e tuffateli nell’olio (non più di sette-otto pezzi alla volta.

Appena li avrete messi in padella fate cadere sopra e intorno a ogni  carciofo una piccola quantità di pastella lasciata sgocciolare dalla forchetta, in modo che si formi intorno una specie di “merletto”.

Lasciateli friggere per non più due-tre minuti e scolateli color oro chiaro. Passateli su un doppio foglio di carta da cucina e spolverateli di sale.

Abbonati a Premium
X
X