Maxi fritto della nonna

In sintesi

Totale: 60 minPreparazione: 30 minCottura: 30 min
Portata: Finger Food
Ricetta di: Finger Food

Preparazione

RICOTTA FRITTA. Per questa preparazione si utilizza della ricotta non più freschissima, ma di almeno un giorno, quindi abbastanza soda e compatta. Tagliare la ricotta a fette di 2 cm di spessore e passarle prima nelle uova sbattute, poi nella farina e ancora nelle uova sbattute, quindi friggerle in olio abbondante e ben caldo. Scolare e asciugare su carta assorbente. Salare e servire subito.

POLPETTE. Sbattere leggermente le uova, unire i formaggi grattugiati, il prezzemolo tritato, una macinata di pepe e un pizzico di sale. Impastare con
la carne aggiungendo poco alla volta il pangrattato fino a raggiungere una consistenza soda. Formare tante polpette della grandezza di una piccola albicocca. Friggere le polpette in olio caldo. Scolare con la schiumarola e asciugare su carta assorbente. Salare e servire subito.

CERVELLO. Mondare il cervello dalla pellicina e da eventuali venuzze e filamenti di sangue, sbollentarlo per qualche minuto in acqua e aceto (serve ad
eliminare il sapore “selvatico”), scolarlo e asciugarlo su carta da cucina. Tagliarlo a fettine non troppo sottili e infarinarlo leggermente. Sbattere le uova con il pepe bianco e immergervi le fettine di cervello. Ripassarle nella farina e friggerle in olio caldo finché saranno ben dorate. Scolarle e asciugarle su carta assorbente. Salare e servire subito.

FEGATO. Tagliare il fegato a fettine non troppo sottili, infarinarle leggermente e immergerle nelle uova sbattute con il pepe bianco. Passarle nel pangrattato e friggerle in olio caldo finché saranno ben dorate. Scolarle e asciugarle su carta assorbente. Salare e servire subito.

CARCIOFI E PATATE. Pelare e tagliare le patate a grossi spicchi e metterli a bagno in acqua fredda. Eliminare le foglie esterne dei carciofi, tagliare le
punte e i gambi e affettare i carciofi a spicchi non troppo sottili. Metterli a bagno in acqua e succo di limone. Scolare le patate e asciugarle su un canovaccio, friggerle in abbondante olio caldo. Scolare i carciofi, asciugarli velocemente e passarli nella farina. Scuoterli per eliminare la farina in eccesso e friggere in olio caldo finché saranno ben dorati. Salare e servire subito.

Mia nonna ‘Nzilla è la regina del fritto. Non c’era giorno a casa sua che le padelle non fumassero di olio caldo e restituissero croccanti bocconi da mangiare ancora caldi, scottandosi le dita e la lingua. Questo è solo un piccolo esempio delle cose che ho mangiato negli anni, le varietà dei pezzi
possono aumentare o diminuire tenendo conto del numero degli ospiti.

  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X