Supplì ai frutti di mare

18 Lug 2011, 17:38 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_87670" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/07/282205_web.jpeg[/caption]

In una padella molto capiente soffriggere uno spicchio d'aglio in olio extravergine d'oliva, versare le cozze e le vongole e lasciare che si aprano, prelevando di tanto in tanto dell'acqua di cottura che deve essere messa da parte per il risotto. Sgusciare tutti i molluschi aperti e tenerli in una ciotolina con un poco di acqua di cottura. In un tegame per il risotto far soffriggere uno spicchio d'aglio, aggiungere i pomodorini spellati e privati dei semi, salare, aggiungere un mestolo di acqua di cottura delle vongole e delle cozze e infine il riso. Farlo brillare per un minuto e portare a cottura aggiungendo brodo di pesce. Quando il riso è ancora al dente, unire i polipetti, i calamaretti e le seppioline, solo alla fine unire cozze e vongole, spegnere il fuoco e lasciar riposare per almeno due ore. Con le mani bagnate formare delle polpettine allungate delle dimensioni desiderate, passarle prima nella farina poi nelle uova sbattute, quindi nel pangrattato (per una panatura più consistente si consiglia di ripassare il supplì ancora nell'uovo e nel pangrattato), friggere in abbondante olio ben caldo. Togliere dal fuoco solo quando saranno ben dorati e far asciugare su carta assorbente. Servire caldi.

In una padella molto capiente soffriggere uno spicchio d'aglio in olio extravergine d'oliva, versare le cozze e le vongole e lasciare che si aprano, prelevando di tanto in tanto dell'acqua di cottura che deve essere messa da parte per il risotto. Sgusciare tutti i molluschi aperti e tenerli in una ciotolina con un poco di acqua di cottura. In un tegame per il risotto far soffriggere uno spicchio d'aglio, aggiungere i pomodorini spellati e privati dei semi, salare, aggiungere un mestolo di acqua di cottura delle vongole e delle cozze e infine il riso. Farlo brillare per un minuto e portare a cottura aggiungendo brodo di pesce. Quando il riso è ancora al dente, unire i polipetti, i calamaretti e le seppioline, solo alla fine unire cozze e vongole, spegnere il fuoco e lasciar riposare per almeno due ore. Con le mani bagnate formare delle polpettine allungate delle dimensioni desiderate, passarle prima nella farina poi nelle uova sbattute, quindi nel pangrattato (per una panatura più consistente si consiglia di ripassare il supplì ancora nell'uovo e nel pangrattato), friggere in abbondante olio ben caldo. Togliere dal fuoco solo quando saranno ben dorati e far asciugare su carta assorbente. Servire caldi.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X