Tempura in verde e sushi di manzo al wasabi

In sintesi

Preparazione

Tempura:
Preparare la pastella. Sbattere l’uovo con l’acqua, poi aggiungere gradualmente la farina setacciata, mescolando velocemente. Lasciar riposare in frigorifero per 10 minuti.

Lavare, asciugare e spuntare le zucchine. Tagliarle a julienne cercando di raccogliere solo la parte verde. Tagliare le foglie di basilico e menta a julienne sottilissima. Infarinare le verdure e le erbe, quindi tuffarle nella pastella molto fredda.

Portare l’olio a temperatura di frittura 170-180°C. Prelevare il composto con un cucchiaio e friggere pochi pezzi alla volta, finché saranno dorati. Scolare e far asciugare su abbondante carta da fritti cambiandola spesso.

Ricordare che una buona tempura deve risultare bianca, croccante e asciutta, quindi se l’olio dovesse colorarsi troppo cambiarlo e cominciare daccapo. Salare solo alla fine con scaglie di sale alle alghe.

Marinata di soia:
Preparare la marinata: sbucciare e grattugiare lo zenzero in una ciotola, unire la scorza grattugiata (al momento) e il succo di limone, 2 cucchiai di sesamo e1 dl di salsa di soia. Mescolare e versare a filo 1 dl d’olio extravergine d’oliva. Versare l’emulsione in una ciotola.

Sushi di manzo:
Sciogliere il wasabi con poca acqua, sufficiente ad ottenere una pasta semidensa. Lavorare il caprino con il wasabi e farcire, con la crema ottenuta le fettine di carpaccio. Avvolgere le fettine rimboccando bene i bordi e tagliare dei rotolini alti due dita. Servire i rotolini con la tempura e la marinata di soia.

VINO:
Difficile l’abbinamento con il wasabi. Da provare una bollicina, precisamente un Trento Extra Brut dell’azienda Abate Nero. Finezza ed eleganza caratterizzano lo spumante che si mostra di ottima complessità al naso, con le note agrumate e di pasticceria che la fanno da padrone. In bocca è pieno, ampio, ma anche fresco e profondo grazie ad una carbonica perfettamente bilanciata col corpo del vino.

  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X