Guida Ristoranti d’Italia 2016 del Gambero Rosso. Premiati, aneddoti, valutazioni

Quasi 2300 indirizzi di cui circa 250 novità. Sono questi i numeri della Guida Ristoranti d’Italia del 2016, un libro che cerca di rispondere a una domanda importante: “che cosa fa di un ristorante un grande ristorante, oggi?”.

Le novità

Parziale cambio al vertice di questa guida, che nel 2016 è curata da Giancarlo Perrotta con tre vice-curatori: Sara Bonamini, Valentina Marino e Pina Sozio. Se la struttura della guida resta la medesima, si cerca invece di registrare i mutamenti della ristorazione con alcuni interessanti premi speciali: dalla novità dell’anno (l’Argine a Vencò) al ristoratore dell’anno (Lorenzo Viani), fino al miglior servizio di sala (Quattro Passi a Massa Lubrense).

Gli aneddoti

L’anno dell’Expo ha puntato i riflettori su Milano, ma il resto dell’Italia gastronomica non si è di certo fermata. Sono stati “mesi movimentatissimi, in cui l’inquieta duttilità degli chef ha provocato frequenti e, in qualche caso, repentini traslochi, cambi di fornelli, trasferimenti, persino chiusure o progetti non andati in porto”. E allo stesso tempo tante belle novità che danno nuovo slancio alla ristorazione italiana.

I metodi di valutazione

I ristoranti sono contraddistinti da una, due o tre Forchette, con un punteggio espresso in centesimi, suddiviso in tre voci: cucina (60 punti), cantina (20 punti), servizio (20 punti). In alcuni casi si aggiunge un bonus, sorta di indice di piacevolezza, da 1 a 3 punti. Le migliori trattorie sono contraddistinte da uno, due o tre Gamberi; i migliori wine bar da una, due o tre Bottiglie; i locali etnici da uno, due o tre Mappamondi; e, infine, le birrerie da uno, due o tre Boccali.

I premi

Le Tre Forchette 2016: Osteria Francescana; La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri; Don Alfonso 1890; La Torre del Saracino; Le Calandre; La Madia; Villa Crespi; Casa Vissani; Laite; Lorenzo; Dal Pescatore; Reale; St. Hubertus de l’Hotel Rosa Alpina; Uliassi; Devero Ristorante del Devero Hotel; La Madonnina del Pescatore; La Trota; Ilario Vinciguerra Restaurant; Da Vittorio; Berton; Piazza Duomo; Il Povero Diavolo; Romano; S’Apposentu a Casa Puddu; Seta del Mandarin Oriental Milano; Enoteca La Torre a Villa Laetitia.

I Tre Gamberi 2016: Angiolina; Antica Osteria del Mirasole; Antichi Sapori; Armando al Pantheon; All’Osteria Bottega; La Brinca; Ai Cacciatori; Consorzio; Caffè la Crepa; La Locanda delle Grazie; La Locandiera; La Madia; Osteria del Treno; Un Posto a Milano; Pretzhof; Sora Maria e Arcangelo; La Tana degli Orsi; Tischi Toschi; Vecchia Marina; Osteria della Villetta dal 1990.

Le Tre Bottiglie 2016: La Baita; Casa Bleve; Le Case della Saracca; Damini Macelleri & Affini; Del Gatto; Al Donizetti; Le Giare dell’Hotel Rondò; Lanzani; Enoteca Marcucci; Oste della Mal’ora; Roscioli

I Tre Mappamondi 2016: Dao Restaurant; Iyo; Wicky’s Wicuisine Seafood

I Tre Boccali 2016: Casa Baladin; Open Baladin

 

N.B. Non perdete > la storia della guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso anno per anno. Ogni giorno, fino all’uscita della nuova edizione (28 ottobre), una nuova “puntata”.

 

In collaborazione con