Investor Relations

Parchi Naturali delle Dolomiti Friulane e delle Prealpi Giulie

A Ovest le Dolomiti, a Est le Prealpi. Non è un caso, che le due oasi protette istituite con legge regionale in Friuli-Venezia Giulia prendano entrambe nome da un gruppo montuoso. Divise da una linea di confine verticale e accomunate dalla scarsa presenza di abitanti, fanno da contenitore a un caleidoscopio di ecosistemi a dir poco incontaminati. «Da noi non esistono insediamenti umani e viabilità di fondovalle asfaltate: gli escursionisti si spostano esclusivamente a piedi da un rifugio all'altro», conferma Graziano Danelin, Direttore del Parco Nazionale delle Dolomiti Friulane. «Di conseguenza, siamo immersi in un territorio ad alto tasso di wilderness».

Inutile dire che, qualche anno fa, la comunità montana riusciva a sopravvivere solo grazie ad attività quali pastorizia, vendita dei prodotti di malga e sfruttamento delle risorse forestali. Poi c'è stato uno spopolamento significativo. «D'altra parte, la massiccia presenza di dolomia nelle nostre rocce ha fatto sì che, con il riconoscimento ufficiale dell'ente, l'espressione "dolomiti friulane" sostituisse quella originaria di "prealpi carniche", così da valorizzare la storia geologica e la composizione dei nostri rilievi». In ogni caso, chi visita queste zone rimane sempre molto colpito dall'infinità di torrenti che attraversano pianure, foreste e vallate. «Al loro interno vivono microorganismi capaci di conferire alle acque una meravigliosa tonalità verde intenso; ne sono un esempio le Pozze Smeraldine, delle piscine naturali situate a Tramonti di Sopra. Tra i boschi limitrofi si aggirano camosci, stambecchi, cervi e caprioli, circondati da una varietà floristica eccezionale, che trova la sua massima espressione nelle specie relitte glaciali come l'orchidea pianella della Madonna, il papavero delle rocce, l'arenaria huteri (riconoscibile dai fiorellini bianco candido) e la gentiana froelichi (uno dei più bei esemplari d'alta quota per via della sua corolla azzurro chiaro)».

Nel Parco Nazionale delle Prealpi Giulie, invece, sono state individuate due zone elette per lo sviluppo delle piante autoctone: quella del Monte Plauris e quella del Monte Canin, al confine con la Slovenia, entrambe attraversate da sentieri botanici di grande impatto. «In particolare, il Canin (un ex ghiacciaio dalla morfologia che ricorda il paesaggio lunare, ndr) rientra di diritto fra gli ambienti prediletti da turisti e speleologi, perché ospita la grotta più lunga d'Italia. Si può raggiungere tramite seggiovia a partire dal rifugio Giberti», racconta il Direttore dell'area protetta Antonio Andrich. Anche qui, la fauna vede protagonisti gli ungulati, «ma non mancano galli cedroni, pernici, coturnici (piccoli uccelli dal volo leggiadro e il dorso bluastro, eletti simbolo della riserva) e alcune specie piuttosto difficili da avvistare come gatti selvatici, lupi e orsi». Dal punto di vista geologico la riserva si caratterizza per il forte dislivello e gli itinerari "selvaggi", adatti a escursionisti con un buon grado di esperienza, fatta eccezione per i punti d'accesso a bassa quota, spesso frequentati da famiglie con bambini. «Fermo restando che, in questo anfiteatro di bellezze montane, l'elemento identitario è dato dai corsi d'acqua dove praticare rafting, pesca sportiva e canyoing». I luoghi più indicati? «Il fiume Resia e il fiume Fella, nella zona Nord-Ovest al limitare del parco».

1

Pasticceria d'Altri Tempi

Vincenzo Aiello, valente pasticcere, ha portato qui la solarità della sua terra d'origine: ciò che lo anima è la passione smisurata per il suo lavoro....
Venzone [UD]
2

Baita al Botton d'Oro

Una caratteristica baita con ambienti gradevoli e tavoli all'aperto. La strada per raggiungerla è un po' impervia, ma ripaga ampiamente con la bellezza del paesaggio...
Resia [UD]
3

Osteria alla Speranza

Locale storico, giustamente famoso per essere custode delle tradizioni culinarie resiane. Ospitato in una caratteristica casa in pietra, ha tavoli all'aperto e sale dai rustici...
Resia [UD]
4

Osteria Marcurele

Il locale si trova nel cuore di uno dei Borghi più Belli d'Italia. Tavoli e sedie in legno, il classico bancone, sedute all'aperto nel grazioso...
Venzone [UD]
5

Locanda degli Artisti

Un indirizzo in cui si è ben accolti e si sta bene, sia all'interno che ai tavoli all'aperto. La cucina è semplice e gustosa, fatta...
Moggio Udinese [UD]
6

Aglio di Resia

L'aglio di Resia, in dialetto locale "rosajanski strok", Presidio Slow Food, è un ortaggio tipico della Valle di Resia. Si caratterizza per le non grandi...
Resia [UD]
7

La Butega

Coraggio ne ha da vendere Cinzia Beacco, che ha aperto la sua "butega" nel pieno della pandemia, con la ferma volontà di farne un punto...
Tramonti di Sotto [PN]
8

F.lli Martina

Annessa allo storico albergo fondato nel lontano 1866 dai fratelli Giuseppe e Valentino Martina, ancora oggi, trascorse cinque generazioni, è un solido baluardo della tradizione...
Chiusaforte [UD]
9

Graziutti

Dal 1926 ai giorni nostri, questo panificio a conduzione familiare si fa apprezzare per la genuinità e la qualità della sua produzione. Oltre al buon...
Lusevera [UD]
10

Osteria Da Cippi

Un posto veramente delizioso, rustico e caldo, con un amorevole dehors. Si viene qui con la certezza matematica di stare bene, di mangiare molto bene...
Frisanco [PN]
11

Borgo Titol

Un'azienda agricola biologica che, grazie ai suoi terreni e ai suoi allevamenti, produce ottimi formaggi e salumi, tra cui la tradizionale pitina, salume tipico Igp...
Tramonti di Sopra [PN]
12

La Tana delle Pitine

I fratelli Manuel e Sandro Gambon sono fra i migliori produttori di pitina della regione. Questo salume, le cui origini sono molto antiche e si...
Tramonti di Sopra [PN]
13

Saliet

Azienda biologica nata nel 2016 dalla passione di Carlo e Chiara Santarossa, due giovani fratelli intraprendenti e motivati. Qui si coltivano piante officinali, calendula, timo,...
Claut [PN]
14

Al Cervo Bianco

Proprio sopra il suggestivo borgo di Erto Vecchia, assolutamente da visitare, ecco l'accogliente locale gestito da molti anni dalla famiglia Corona, che ha sempre rappresentato...
Erto e Casso [PN]
15

Enoteca Da Corona

In una casa caratteristica nascosta tra i vicoli, restaurata con passione dallo stesso proprietario, Marco Corona, suggestivi ambienti in pietra abbelliti da antichi utensili da...
Erto e Casso [PN]
16

Osteria Corona

Insegna affidabile alle porte del paese, con ampio parcheggio e tavoli all'aperto. L'ambiente semplice e informale rivela a tavola tanta sostanza, una cucina genuina e...
Claut [PN]
17

Malga Carnia Formaggi

È il punto vendita di Malga Carnia, azienda con sede a Sauris che stagiona e affina formaggi a 1.250 metri di altitudine. Oltre al cacio...
Forni di Sopra [UD]
18

Antica Osteria La Speranza

Un ambiente che sa di antico, arredi rustici, mura in pietra e lo scenografico "fogolar" al centro del locale, dove si possono degustare pure ottimi...
Forni di Sopra [UD]
€ 30
19

Birrificio Foglie d'Erba

Gino Perissutti, mastro birraio premiato a livello nazionale, è l'artefice e l'anima di questa attività artigianale nata nel 2008, ospitata in un'ex falegnameria. Gli ingredienti...
Forni di Sopra [UD]
20

De Giusti

Il panificio esiste da più di 50 anni ma è solo in tempi più recenti che si è cercato di recuperare la tradizione di due...
Claut [PN]
21

San Martino

Con il latte proveniente dai propri allevamenti curati con amore e profondo rispetto per gli animali, Fabiola Mereghetti e Alessandro Castiglioni ottengono formaggi di grande...
Erto e Casso [PN]
22

Latteria di Venzone

Presso lo spaccio aziendale appena fuori dal paese si acquistano buoni formaggi, frutto della lavorazione di 650mila quintali di latte conferiti da 80 soci del...
Venzone [UD]
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X