Ogni “bicchiere” di Francesco Trimigno rivela un pensiero profondo, e la sua drink list è sempre un passo avanti. Scelte innovative, ingredienti dimenticati, costante confronto con il suo team e tanta ricerca sono la cifra stilistica di proposte che lasciano sempre il segno. L’interno è intimo, in stile Belle Époque, con mobili d’antiquariato e oggetti da bar d’epoca, lo spazio esterno ora conta anche su tavolini nell’accogliente portico. La carta è ricca di infusioni, tecniche moderne, preparazioni home made, e quest’anno anche il falernum torbato. Ci sono i Classici e gli Intramontabili, con il Negroni invecchiato quattro anni in botti di rovere e ciliegio, e altre otto possibilità tra cui La Bella stagione (vodka infusa ai frutti di stagione, oli essenziali di frutti esotici, liquore di sambuco, Brut Franciacorta) servito con chips ottenute dai residui della frutta disidratata e farro al mirtillo. Con le stagioni cambiano anche i sapori nel bicchiere, in autunno si gioca con aromi intensi in creazioni come quella con rum ai cachi, lime, zucchero Muscovado e soda alla nocciola, o quella che sposa il Mezcal al liquore di black garlic. Una cinquantina di whisky (pure giapponesi) da gustare con sigari e cioccolato. Possibilità di asporto.

Dettagli
Giorni di chiusura:
lunedì; aperto solo la sera
Servizi:
  • Tavoli all'aperto
  • Tavoli al chiuso
Anno valutazione:
2021
Abbonati a Premium
X
X