Il rigore nella scelta della materia prima è il punto cardine di questa azienda, che da 40 anni produce parmigiano reggiano. Giorgio Bonati, insieme al figlio Gianluca, sceglie per le sue frisone il fieno di prato, ricco di erbe e profumi. Il ciclo completo della lavorazione avviene nel caseificio. Il Parmigiano Reggiano quando raggiunge i 2 anni di stagionatura viene riqualificato dal Consorzio di Tutela e solo le forme eccezionali ottengono il secondo marchio Extra. Dopodiché solo il meglio raggiunge i 3 o addirittura i 4, 5, 6, 7, 10 anni di stagionatura.

Abbonati a Premium
X
X