È la prima fabbrica di cioccolato in Italia. Nel 1826 Paolo Caffarel e suo figlio hanno un’idea geniale, quella di rilevare un vecchio stabilimento vicino Porta Susa a Torino per avviare la produzione di cioccolato. Nel 1865 l’altra intuizione: creare il gianduiotto. I Caffarel sperimentano così una nuova ricetta, diminuendo la percentuale di cacao a favore delle nocciole, che abbondano nelle campagne piemontesi. Oggi come allora, dopo 150 anni, il gianduiotto di Caffarel prevede un’elevata percentuale di nocciole Piemonte IGP, miscelate con i migliori cacao del mondo, e la lavorazione con il metodo dell’estrusione. Non si fanno più a mano, ma con un macchinario progettato in esclusiva per l’azienda con la stessa rigorosa attenzione alla materie prime. Oltre ai gianduiotti (classico e fondente), ci sono i nocciolotti (cubetti di gianduia e nocciole), il croccante gentile e le praline artigianali. La Caffarel è stata rilevata nel 1997 dalla Lindt & Sprüngli AG, ma l’azienda dolciaria con sede a Luserna S. Giovanni, conserva la sua autonomia e la sua identità di marchio e prodotti.

Abbonati a Premium
X
X