I Devodier si sono guadagnati una giusta fama per il prosciutto di Parma, di cui offrono una delle migliori interpretazioni, da esperienza gastronomica. Un risultato conquistato con il tempo e grazie alla loro vocazione speciale per il principe dei salumi. Nel Settecento i Devodier erano allevatori e macellatori. Da oltre un secolo sono norcini, di quelli certosini, capaci di selezionare la materia prima migliore, di applicare le tecniche di trasformazione adeguate, di scegliere i luoghi giusti dove stagionare.

La svolta è avvenuta a metà del ‘900, quando Enrico Devodier decide di dedicarsi al prosciutto e comincia a cercare il luogo di stagionatura. «La scelta è caduta su una zona di Langhirano famosa per un’osteria con una cantina dove, si raccontava, i prosciutti si affinavano in maniera spettacolare» ricorda Luigi, il figlio di Enrico «si trova nel comune di Lesignano de’ Bagni ma in località Mulazzano Ponte, a pochi metri da Langhirano, dall’altra parte del torrente Parma». Una fetta di terra con un microclima ideale per la stagionatura del prosciutto grazie all’incontro fra la brezza di questo piccolo fiume, il vento marino proveniente dal Tirreno e il refolo dell’appenninico. È qui che nasce il prosciuttificio Devodier ed è qui che si trova tuttora. Il Parma Dop è proposto in diverse linee e in riserve esclusive, con affinamento in antiche cantine ricche di muffe nobili ed enzimi, con muratura e pavimento in mattoni, ambienti naturali che respirano e interagiscono con il magico microclima di Langhirano.

Tra i cavalli di razza maison la linea premium Antiche Cantine: Mornello (20 mesi), Più di 24 lune (oltre 24 mesi), Secretum (30 mesi), un prosciutto aristocratico, esuberante e insieme fine ed austero, dolce e profumato di bosco, castagna, frutta secca tostata e agrumi canditi, con una struttura meravigliosa. Un gradino più in alto Le Eccellenze, una selezione ancora più esagerata del Parma Dop, stagionato fino a 36 mesi, dove i profumi e gli aromi del Secretum si concentrano e si fanno più complessi ed evoluti.

E c’è anche spazio, soprattutto negli ultimi anni, per altri tipi di salumi, come la culatta Emilia, il culatello, la spalla cruda e la Paleta Nobile con osso, tutti in perfetto stile Devodier: pulizia, dolcezza, eleganza, straordinario profilo aromatico. Lo spirito eclettico e dinamico dell’azienda di Lesignano de’ Bagni la porta a lanciarsi in nuove passioni. «La novità aziendale è la linea Alta Tutela: i due prosciutti di Parma Dop Antibiotic-Free e Animal Welfare e il Prosciutto Italiano Biologico Alta Qualità» spiega Michele, l’ultima generazione Devodier che si sta occupando dei nuovi progetti dell’azienda di Lesignano de’ Bagni «è nata dalla collaborazione con i migliori allevatori della nostra filiera italiana al fine di creare prodotti con le nostre prerogative classiche di gusto, lavorazione artigianale e stagionatura naturale nelle antiche cantine, e nello stesso tempo per essere sempre più attenti ai bisogni di salute del consumatore, alla sostenibilità ambientale e al benessere animale».

I salumi Devodier sono in vendita online su piattaforme di e-commerce specializzate.

Il panino di Max Mariola

Qui di seguito la ricetta sintetica del panino che lo chef Max Mariola ha creato con un salume dell’azienda appositamente per il format “I Panini li fa Max – Speciale Salumi da Re”. È possibile vedere la ricetta filmata sui canali Gambero Rosso HD (132 e 412 di Sky).

Salume: Prosciutto crudo Biologico Devodier
Pane: crescia sfogliata di Urbino Il Panaro
Ingredienti: formaggio primosale Capriss, pomodori del piennolo, panko, insalata, farina, olio evo vegano bio Gentiluomo Agricoltore Coppini Arte Olearia
Compagno di bicchiere: birra Cordelia Zerocinquanta Theresianer

 ---

Dettagli
Servizi:
  • Tavoli all'aperto
  • Tavoli al chiuso
Abbonati a Premium
X
X