Nonna Ina era il nomignolo di Venturina Ponzi, classe 1916, una delle prime donne a dedicarsi alla produzione della Mortadella di Campotosto. È lei a tramandare a suo figlio Pandolfo Pandolfi tutti i suoi insegnamenti in materia di lavorazione del suino. Passano gli anni e il giovane figlio di Pandolfo, Goffredo, apprende a sua volta ricette e metodi, e adegua le attrezzature. Oggi la gestione è ancora di Goffredo, in società con Ugo Paolini, ma il salume è sempre quello, lavorato artigianalmente e di grande bontà.

Dettagli
Anno valutazione:
2021
Abbonati a Premium
    [polylang]
X
X