Agricoltori nelle colline marchigiane, tra i primi – nel 1991 – a riprendere la coltivazione del grano Senatore Cappelli, Carlo e Carla Latini sono sempre stati paladini del metodo di pastificazione lento e a bassa temperatura. Si presentano oggi con la linea 600.27 (i numeri che hanno attraversato la loro vita di pastai: più di 600 varietà di frumento impiegate, 27 tipologie di spaghetti prodotti), lavorata con un mix di grani duri coltivati e moliti in Italia. Inoltre i trucioli di Marchesi, gli spaghetti Cappelli 1915 e i prodotti del Forno Dorico, sempre dei Latini.

Abbonati a Premium
X
X