Antonio Marella ha cominciato la sua avventura nella pasta artigianale alla fine degli anni ’80 con il nome Il Pozzo del Re ed era famoso per i formati speciali oversize e aromatizzati. Negli ultimi anni, con l’apertura del nuovo pastificio, la produzione si è allargata ai formati classici, decine di referenze tra lunghi e corti, sia trafilati al bronzo che laminati, essiccati lentamente in telai statici a una temperatura che non supera i 36-38 gradi. Le semole, di preferenza biologiche, sono della zona o regionali, lavorate da piccoli mulini locali.

Abbonati a Premium
X
X