«Il prosciutto è un libro aperto, racconta tutto quello che è avvenuto nelle fasi precedenti, e dice sempre la verità» scherza Daniele Montali, alla guida del prosciuttificio nato nel 1949. A monte del Parma Dop Ruliano ci sono una bella materia prima, cosce grandi di suini pesanti allevati come si deve, esperienza e una serie di accorgimenti frutto di una vita, infine l’ambiente, cantine ricche di enzimi dove i prosciutti stagionano dai 24 ai 36 mesi. Da provare anche la spalla cruda, antico salume parmigiano da Ruliano ribattezzato Rudis Armus.

Abbonati a Premium
X
X