Tutto ha inizio nel 1846, quando Antonio Rummo sceglie le fertili terre del Sannio per sviluppare l’antica arte del grano. Oggi, che il pastificio Rummo è alla sesta generazione, l’eccellente qualità della pasta è garantita anche dalla ricerca tecnologica. Il segreto dell’altissima qualità risiede nella selezione delle materie prime più pregiate e nel metodo a lenta lavorazione, che prevede lunghi tempi d’impasto. Il risultato è una prodotto ottimo, dal profumo tipico del grano, tenace e al dente, ideale per la doppia cottura, tanto che è approvata dalla Federazione Italiana Cuochi. Con l’avvio di un trigeneratore, Rummo ha ridotto di oltre il 30% le emissioni di CO2. Nel 2011 nasce la linea biologica e biologica integrale, che accresce le tantissime tipologie di pasta secca di vari formati, tra cui le Leggedarie (paccherotti, scialatielli, candellotti e non solo).

Abbonati a Premium
X
X