L’attività si tramanda di generazione in generazione fino a Giuseppe Petris che, nel 1962, fonda il prosciuttificio Wolf, attualmente nelle mani della famiglia Petris al completo. Le carni, di suini italiani provenienti dai circuiti dei crudi di Modena e Parma, sono lavorate con un mix di manualità e automatizzazione senza fonti di glutine. Tra i tanti prodotti ci sono culatello, ossocollo, salame, cotechino, pancetta, lardo alle erbe, guanciale, fesa, stinco, anche se il prosciutto e lo speck sono i punti di forza della produzione.

Abbonati a Premium
X
X