Difficile riassumere in poche righe la storia di questa importante realtà e di Edmund Mach, primo direttore della scuola agraria di San Michele all’Adige. Siamo nel 1871 e la Dieta regionale di Innsbruck acquista il monastero sede oggi della scuola e il relativo terreno deliberando di attivare una scuola agraria con annessa stazione sperimentale. Oggi oltre la didattica la Fondazione vanta 120 ettari di terreni coltivati a vite e melo, una cantina e una distilleria. Seguendo fedelmente la tradizione l’Istituto Agrario realizza grappe con alambicco discontinuo a bagnomaria e crea una dozzina di grappe da monovitigno e la celebre grappa Castel San Michele prodotta con due vinacce di vitigni diversi.

Abbonati a Premium
X
X