Vini dolci. Spesso rappresentano solo il 5-10% della produzione aziendale; in pochi prendono la via dell'estero. Eppure, senza di loro, l'Italia perderebbe una specificità che non teme concorrenza.

 

LEGGI Versione stampabile

 

ALMANACCO – Dalla vendemmia ai rapporti con l’Ue: che 2018 è stato per il vino italiano? La nostra top 12

VINI DOLCI – Una specificità italiana ancora poco premiata dal mercato. L’analisi di produttori e distributori

MALTEMPO – Ammontano a 1,7 mld di euro i danni all’agricoltura: il Mipaaft presenta il conto all’Ue

BOLLICINE – Il comparto chiude l’anno con 700 mln di bottiglie vendute. Nelle feste se ne stapperanno 66 mln

TREND – Alternativi, a bassa gradazione, sostenibili e biologici. I wine driver del futuro secondo Wine Intelligence

DENOMINAZIONI – Bio ed esportazioni. La ricetta del Rosso Piceno per i suoi primi 50 anni

TERRITORI – Il Montepulciano d’Abruzzo traina l’export regionale. Per il Piemonte, vendemmia a 4 stelle

MERCATI – Se la Germania scopre la produzione locale. Prospettive e strategie nell’indagine Grandi Marchi-Wine Monitor