Svolta sulle Tecnologie di evoluzione assistita in agricoltura nell’Ue, che apre anche al genoma editing, in attesa di un quadro normativo aggiornato. Le associazioni chiedono di fare presto, ma il tema è delicato. Il mondo della ricerca: “Non si tratta di Ogm, ma di un miglioramento genetico della vite che permette nuove riposte al climate chance”.

LEGGI Versione stampabile

  • BIOTECH – L’Ue apre alle Tecnologie di evoluzione assistita. Gli scienziati: “Genoma editing è diverso da Ogm”
  • ENOTURISMO – La pandemia non ferma il business: in arrivo pass verde. Le nuove opportunità nel quarto Rapporto di Garibaldi
  • UE – Coldiretti contro i vini dealcolati: “Così si autorizza anche l’aggiunta di acqua: grosso rischio per le Dop”
  • OUTLOOK – Nel 2022 il fatturato vitivinicolo ritornerà ai volumi pre-Covid: lo studio Unicredit-Consorzio del Brunello
  • SPARKLING – Circa 750 mln di bottiglie nel 2020: la corsa è finita? La fotografia dell’Osservatorio Uiv
  • SOSTENIBILITÀ – Al via l’indagine conoscitiva Equalitas-Gambero Rosso: coinvolti aziende e consorzi vitivinicoli
  • FOCUS – Futuro green per il Gavi: certificare tutta la Docg? I piani del neopresidente Montobbio
  • TASTING – Ripartono gli eventi live del Gambero Rosso: il 28 maggio a Roma la degustazione Berebene
  • ESTERI – Export australiano a -4%. Pesano i dazi in Cina, ma crescono le spedizioni verso l’Europa