Stare bene al ristorante significa anche poter scegliere un buon vino da accompagnare alla cena. Da quattro anni, la guida Ristoranti d'Italia del Gambero Rosso sposa il progetto Le Grandi Cantine della Regione. Ecco di che si tratta.

È stata una grande festa per celebrare la trentesima edizione della guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso quella andata in scena all’Hotel Sheraton di Roma lo scorso 28 ottobre. Un’occasione per scoprire e premiare i protagonisti della ristorazione italiana, i veterani del settore e le giovani leve, quest’anno valorizzati dalla selezione dei Trenta under Trenta. Ma la guida, che si presenta all’appuntamento con il 2020 ricca di novità (la scelta di ripensare il rapporto tra cucina e sala, concedendo al servizio un peso maggiore nel determinare il punteggio finale; le Due Forchette rosse per chi si affaccia al podio delle Tre Forchette, col bel punteggio di 89 e buone aspettative di ascesa), è anche un utile strumento per gli amanti del buon vino.

Da quattro anni a questa parte, infatti, Ristoranti d’Italia sposa il Progetto “Le Grandi Cantine della regione”, tenendo presente l’imprescindibilità dell’offerta gastronomica da quella vinicola, quale estensione di un servizio completo, curato e attento. Dunque l’obiettivo di quella che è una selezione delle migliori cantine d’Italia, suddivise per regione, è quello di affiancare all’eccellenza della ristorazione italiana alcuni degli ambasciatori della produzione enoica italiana di qualità. Favorendo, per appassionati e operatori del settore, l’agevole consultazione di cantine ed etichette segnalate nelle pagine che precedono ogni sezione regionale della guida Ristoranti d’Italia 2020. Si tratta, chiaramente, di un numero limitato di aziende vinicole: a ognuna è stata dedicata una pagina che ne racconta storia e produzione, descrivendo tre delle sue etichette di punta, e fornendo così ai lettori un orientamento nella scelta dei vini che meglio si abbinano ai piatti del territorio.

Le Grandi Cantine della Regione

Di seguito le aziende che hanno aderito al progetto:

Valle d’Aosta

Rosset Terroir

Piemonte

Batasiolo

Bera

Gozzelino

Tenuta Montemagno

Vite Colte

Liguria

Samuele Heydi Bonanini

Lombardia

Cà Maiol

Castello Bonomi

Ferghettina

Giorgi

Veneto

Conte Collalto

Valdo

Cantina Valpantena Verona

Friuli Venezia Giulia

Tenimenti Civa

Isola Augusta

Tenuta di Angoris

Zorzettig

Trentino Alto Adige

Cantina Merano

Kettmeir

Köfererhof – Günter Kerschbaumer

Mezzacorona

San Leonardo

Emilia-Romagna

Celli

Cleto Chiarli Tenute Agricole

Tenuta Mara

Villa di Corlo

Toscana

Badia di Morrona

La Montanina

Ridolfi

Rocca di Frassinello

Valentini

Marche

Boccadigabbia

Tenuta de Angelis

Abruzzo

Dino Illuminati

Ciccio Zaccagnini

Molise

Di Majo Norante

Umbria

Benedetti & Grigi

Lungarotti

Lazio

Casale del Giglio

Castel de Paolis

Campania

Marisa Cuomo

Cantine Di Marzo

La Fortezza

La Pietra di Tommasone

Basilicata

Martino

Calabria

Ceraudo

Puglia

Giuseppe Attanasio

Sicilia

Donnafugata

Feudi del Pisciotto

Gorghi Tondi

Palmento Costanzo

Torre Mora

Sardegna

Attilio Contini

Andrea Ledda

Tenute Soletta