falsi

Vinitaly&falsi. Le campagna per smascherare wine kit e polverine magiche sempre più presenti su web

Così il Barolo è diventato Barollo, il Brunello di Montalcino, Montecino, il Chianti è Cantia. I furbetti del “vino in polvere” si sono attrezzati cambiando semplicemente i nomi, il fatturato li incentiva a proseguire su questa strada.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X