Datata 1963, è una di quelle botteghe di cui si è persa la memoria, con grandi sacchi di juta che contengono un vero e proprio tesoro: una varietà più unica che rara – si parla di circa 2.000 referenze! – di sementi, cereali, legumi e alimenti naturali. C’è davvero di tutto, basta chiedere al titolare o allo staff: dalle varietà nostrane di riso al thailandese, dal basmati al rosso della Camargue, dal Thaibonnet al selvaggio americano, senza dimenticare miele, conserve, pasta, spezie, farine e specialità orientali come il boulgour.

 ---

Abbonati a Premium
    [polylang]
X
X