Continuano le anticipazioni dei premiati dalla Guida Vini d'Italia 2020 del Gambero Rosso. Oggi è il turno della Sardegna.
Pubblicità

Tre Bicchieri 2020 Sardegna

Nelle scorse edizioni della Guida abbiamo sottolineato la crescita costante del vino sardo a prescindere dalle annate, più o meno buone. Se lo facessimo anche quest’anno rischieremmo di essere poco credibili. Invece no, non è così.

Dagli oltre 600 campioni degustati esce una regione in gran forma. La qualità riscontrata è sempre più alta, ma non solo sotto il mero profilo sensoriale (equilibrio, armonia, complessità gusto-olfattiva). I bianchi e rossi proposti sono sempre più autentici, territoriali, rispettosi quindi dei vitigni nelle loro zone più vocate di appartenenza. Il lavoro in vigna è quello più duro, più importante (e anche quello che deve essere il più rispettoso dell’ambiente, per una produzione sempre più sostenibile), mentre in cantina ci si limita sempre più a compiere quelle azioni volte a valorizzare ciò che la natura produce.

Tre Bicchieri 2020 Sardegna. L’essenza dei territori

Sembrano totalmente finiti i tempi in cui, in nome di un modello internazionale di gusto, si ricorreva a tecniche di cantine perfette secondo le regole dei protocolli, ma inadatte a trasmettere tutta l’essenza che i vari territori sardi riescono a dare. Si, proprio così, i territori. Perché il bello della Sardegna non risiede solo nell’autoctono. Sta proprio nei suoi suoli e microclimi completamente diversi: si va dalle sabbie a pochi metri dal mare, al granito in zone collinari, passando per terreni scistosi che arrivano anche a oltre 700 metri d’altitudine.

Pubblicità

Tre Bicchieri 2020 Sardegna. Il ritardo dei Consorzi

Però, nonostante questo emerga sempre di più dai bicchieri, tutto ciò non è supportato a dovere dalle Denominazioni di Origine, ferme quasi tutte al loro anno di nascita. Sono troppo poche le Doc territoriali e avere dei disciplinari regionali per i vitigni più rappresentativi (cannonau, moscato e vermentino) non valorizza di fatto quanto detto in termini di terroir. Sarebbe ora che tutto il comparto prendesse in mano la situazione per dare alla Sardegna il posto che merita. Riguardo i premiati quest’anno un’altra ottima notizia.

uattordici Tre Bicchieri è un numero record e testimonia il livello raggiunto. Di questi vini ben tre sono novità assolute: il Nuracada è il Bovale della giovane azienda Audarya di Serdiana; il Terresicci è una Barbera Sarda della Cantina di Dolianova; il Pro Vois è una bellissima versione di Nepente di Oliena Riserva. Tre territori diversi, tre vitigni diversi, accomunati da un unico grande risultato.

I migliori vini sardi premiati con i Tre Bicchieri 2020

  • Alghero Torbato Terre Bianche Cuvée 161 2018 – Tenute Sella & Mosca
  • Cannonau di Sardegna 2017 – Antonella Corda
  • Cannonau di Sardegna Cl. Dule 2016 – Giuseppe Gabbas
  • Cannonau di Sardegna Nepente di Oliena Pro Vois Ris. 2014 – F.lli Puddu
  • Capichera V. T. 2016 – Capichera
  • Carignano del Sulcis 6Mura Ris. 2016 – Cantina Giba
  • Carignano del Sulcis Sup. Terre Brune 2015 – Cantina di Santadi
  • Nuracada Bovale 2017 – Audarya
  • Terresicci 2014 – Cantine di Dolianova
  • Turriga 2015 – Argiolas
  • Vermentino di Gallura Sup. Costarenas 2018 – Masone Mannu
  • Vermentino di Gallura Sup. Sciala 2018 – Surrau
  • Vermentino di Gallura Sup. Soliànu – Tenuta Matteu 2018 – Andrea Ledda
  • Vermentino di Sardegna Stellato 2018 – Pala

> Scoprite i vini premiati con Tre Bicchieri 2020 regione per regione