Latte di cammello. Proprietà, benefici, dove trovarlo

19 Mar 2019, 15:00 | a cura di Michela Becchi
Di un bianco candido e dal sapore leggermente più salato rispetto a quello vaccino, con una schiuma densa e corposa e ricco di vitamine: è il latte di cammello, una delle alternative più in voga degli ultimi tempi.
Pubblicità

È l'alimento base delle tribù nomadi del deserto, utilizzato come medicinale in India e dai beduini del Medio Oriente, che lo considerano la cura per ogni male. Ricco di grassi, proteine e vitamine, il latte di cammello (o, più correttamente, di cammella) negli ultimi tempi ha iniziato a far parlare di sé anche in Occidente, soprattutto nell'ambito cosmetico, dove è impiegato per la realizzazione di creme per il corpo e il viso.

Cos'è il latte di cammello

Il sapore è leggermente tendente al salato, mentre il colore è molto più bianco rispetto a quello di mucca. Nasce come prodotto di sussistenza e per secoli ha rappresentato una delle principali forme di sostentamento dei nomadi: in grado di resistere fino a 21 giorni senza bere acqua e capace di produrre latte alimentandosi con foraggi molto economici, il cammello fornisce un prodotto nutriente nonostante le condizioni ambientali e climatiche complesse.

Latte di cammello

Latte di cammello

Pubblicità

La produzione

La produzione media giornaliera non è molto elevata: si parla di 5 litri a cammello (20, nel caso del dromedario, da cui si munge un latte molto simile per colore, consistenza e sapore): un dato positivo per gli abitanti locali, ma comunque molto basso rispetto a quello di un bovino (dai 25 ai 28 litri di latte al giorno).

Proprietà

Si è iniziato timidamente a diffondere anche in altri Paesi, soprattutto grazie alle sue proprietà nutraceutiche. Il latte di cammello, infatti, contiene il triplo di vitamina C rispetto a quello vaccino,e  una quantità maggiore di grassi e proteine. 107 calorie per tazza e circa 3 grammi di grassi saturi. Molto ferro e meno lattosio, caratteristica che lo rende facilmente digeribile anche da chi soffre di intolleranze.

Latte di cammello e allergie

Ma non finisce qui: il latte di cammello è privo di lattoglobulina, principale proteina del siero di latte di mucca e pecora, uno degli elementi che causano l'allergia alle proteine del latte. Il contenuto di vitamina C, vitamina B3, acido folico, vitamina B12 e B5 è superiore al latte vaccino e, addirittura, a quello materno. Per questo, grazie alla sua composizione, secondo la rivista Giornale Italiano di Diabetologia e Metabolismo, potrebbe rappresentare anche una valida alternativa per il nutrimento dei più piccoli.

L'integrazione al trattamento per il diabete

Inoltre, negli ultimi anni diversi ricercatori hanno pubblicato studi circa il suo impiego nel trattamento di patologie come il diabete mellito di tipo 1 e 2 o il morbo di Crohn. Nei pazienti con diabete mellito, lo stato iperglicemico può favorire un aumento di radicali liberi e una riduzione di antiossidanti, vitamine E e C in primis. Proprio per questo, con il suo alto livello di vitamine e sali minerali (sodio, potassio, rame, magnesio e zinco) il latte di cammello può aiutare a integrare il trattamento insulinico nei pazienti. Fra i più noti, gli studi di Agrawal et al, ancora, però, in fase di sperimentazione.

Pubblicità

La cosmesi

Insomma, un prodotto da provare, anche nella cura della pelle. La leggenda narra che fu Cleopatra la prima a scoprire i benefici di questo ingrediente, dalle azioni lenitive ed emollienti: oggi, il latte di cammello per la produzione di creme è molto richiesto, ma il prezzo è piuttosto elevato.

Il prezzo

Somalia e Arabia Saudita sono i maggiori produttori, ma gli animali scarseggiano (secondo la Società zoologica di Londra, la Camelus bactrianus è una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione) e la produzione giornaliera di latte è minima. Attualmente, il prezzo di mercato si aggira attorno ai 15 euro per mezzo litro.

Dove trovarlo

Un prodotto difficilmente reperibile, dunque, e ancora poco presente nei paesi occidentali. Dove acquistarlo? Innanzitutto, su internet. Esiste un sito americano specializzato che spedisce in tutto il mondo, da cui è possibile comprare latte in polvere pastorizzato o crudo, disponibile anche nella versione liquida (munto al momento dell'ordine e congelato immediatamente per preservarne le proprietà organolettiche). Si chiama Camilkdairy e conta anche un blog in cui vengono spiegate caratteristiche e curiosità sul prodotto. Il prezzo per una bottiglia di latte crudo liquido è di 11 dollari (poco meno di 10 euro) per 470 ml, mentre quello crudo liofilizzato da 50 grammi costa circa 15 dollari. Il più caro è quello pastorizzato: 119 dollari (più o meno 105 euro) per una confezione da 500 grammi.

Il latte di cammello in Italia

C'è poi sempre l'opzione Amazon (con prodotti lavorati e confezionati da aziende straniere), dove il prezzo medio si aggira attorno ai 35 euro per 200 grammi di latte in polvere, oppure Santé Orientale, sito che vende integratori alimentari, prodotti dell'alveare, oli essenziali e ingredienti cosmetici di natura orientale, dove il latte di cammello è venduto in capsule prodotte con 100% latte in polvere e gelatina vegetale. Da non dimenticare, infine, i negozi orientali e nord africani presenti nelle varie città, oltre ai mercati più cosmopoliti.

a cura di Michela Becchi

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X