Aprirà il 10 settembre nel quartiere Prati, dopo aver conquistato Milano e Torino partendo dal mare di Polignano, in Puglia. Dietro al progetto ci sono Domingo Iudice, Bartolo L'abbate e Lucio Mele, che hanno conquistato l'Italia con i loro panini di pesce.
Pubblicità

Pescaria. Da Polignano a Roma, passando per Milano

E alla fine Pescaria aprirà anche a Roma. C’è una data – il prossimo 10 settembre – e anche l’indirizzo è già stato svelato: “Ironia della sorte, saremo accanto a Burger King, su via Leone IV, in zona Prati”. Domingo Iudice è uno dei volti della bella storia imprenditoriale partita dalla Puglia di Polignano nel 2015 e diventata un caso da studiare, soprattutto per la capacità di penetrazione sui social network e l’efficacia delle campagne di comunicazione ideate dal team (Domingo è cofondatore di Brainpull, che recentemente ha prodotto anche la campagna #Milanononsiferma), che hanno saputo valorizzare con ironia il prodotto di punta dell’insegna: i panini di pesce creativi di Lucio Mele. In questi giorni anche Domingo è preoccupato per le sorti della ristorazione italiana, e vive direttamente lo scotto da pagare per il clima di psicosi generato dal Coronavirus: “Siamo presenti a Milano e Torino (arrivato nell’autunno 2019, in via Accademia delle Scienze, ndr), il calo d’incasso è netto. Faccio l’esempio del martedì grasso, nel 2019 è stata un’esplosione di persone, quest’anno abbiamo registrato una flessione dell’80%. Ora la situazione sembra in leggera ripresa, a Milano ci aggiriamo sul 25-30% di perdita. Ma è chiaro che non si può stare tranquilli, anche Torino è in compressione, l’indotto della città è collegato a quello di Milano. L’importante è avere la lucidità di non farsi prendere dal panico, e la prontezza per resistere”.

Un panino con l'astice di Pescaria
Pescaria a Roma. Il menu

Una buona soluzione è concentrarsi sull’imminente debutto romano, pianificato da tempo e molto atteso in città (i fan di Pescaria, ormai, sono ovunque): “C’è voluto tempo per trovare il locale giusto, alla fine abbiamo optato per uno spazio non molto grande, ma nella zona che ci sembrava più adatta per il nostro progetto, centrale e facilmente raggiungibile”. Anche perché, accenna Domingo con nonchalance, “Roma è grande e racchiude tante città nella città; dunque immaginiamo di poter replicare in futuro, in altri quartieri”. Si comincia da Prati, con l’immagine e l’offerta che caratterizzano tutti i locali del gruppo (a Polignano, Milano con due punti vendita, Torino), “fatta eccezione per i nostri spaghetti cacio, pepe e cozze, e in generale per tutta la proposta di pasta, che qui non proporremo, per motivi logistici”. Ma ci saranno il banco dei crudi di mare con le proposte del giorno, i cuoppi di mare, i celeberrimi panini, che abbinano i prodotti ittici del mare pugliese alle salse fatte in casa e a specialità regionali come la burrata pugliese, la ricotta, il mosto cotto.

Proprio il best seller con tartare di tonno pinna gialla, burrata pugliese, pomodorini freschi e pesto di basilico campeggia sulla locandina di lancio di Pescaria a Roma (“Habemus Pescariam”), come una golosa astronave atterrata sul Colosseo. Ma la conoscenza graduale della città, e dei suoi gusti, porterà in futuro alla creazione di nuove proposte, “proprio com’è avvenuto a Milano e Torino, con idee ispirate dalle tradizioni e dai prodotti locali, ora presenti sui menu di tutti i punti vendita”. Una quarantina i coperti a disposizione (c’è da aspettarsi una grande affluenza, specialmente nelle prime settimane), e un dehors su strada che vivrà per buona parte dell’anno.

Pubblicità
Panzerotti di mare di Pescaria

Progetti per il futuro. Il laboratorio centralizzato

La logistica per la consegna puntuale del pesce in arrivo dall’Adriatico è stata perfezionata col tempo, ma entro l’anno, in casa Pescaria, arriverà un’altra novità: “Stiamo lavorando alla realizzazione di un laboratorio centralizzato di produzione, in Puglia, per ottimizzare la lavorazione del prodotto ittico e la trasformazione dei prodotti artigianali che utilizziamo in tutti i locali. Lì prepareremo anche le nostre salse e concentreremo buona parte della filiera produttiva per garantire standard costanti e qualità in tutte le sedi del gruppo”. Tra poche settimane, però, tutti concentrati sul battesimo romano: il 25 marzo la festa inaugurale, con l’esibizione del gruppo pugliese Skanderground. Poi, apertura 7 su 7, dalle 12 a mezzanotte.

Pescaria – Roma – via Leone IV, 14 – dal 25 marzo 2020 – www.pescaria.it