Anteprima Tre Bicchieri 2023. I migliori vini delle Marche. Premio Speciale: Bianco dell'Anno

30 Set 2022, 10:58 | a cura di Gambero Rosso
Le anticipazioni dei premiati delle batterie di assaggio per la guida Vini d'Italia 2023 del Gambero Rosso. Ecco i migliori vini delle Marche
Pubblicità

Tre Bicchieri 2023: Marche in chiaroscuro

Come va il vino marchigiano? È tentazione sin troppo forte abbandonarsi a un laconico e consolatorio "mai andata così bene" ma è intellettualmente onesto individuare qualche spunto critico laddove sia necessario. In Regione vi sono degli innegabili chiaroscuri.

Marche. Luci sulla regione

La luce più vivida riguarda il numero crescente di giovani che si mettono in gioco e affrontano il difficile mestiere di vignaiolo. Le dimensioni di questa pubblicazione non permettono una conta esaustiva delle tante novità ma tutti i migliori sono citati e molti, immaginiamo, lo saranno in futuro. Gli assaggi dell'estate 2022 hanno confermato la situazione in atto che vede la grande vitalità dei Castelli di Jesi, l'alto livello qualitativo medio dell'areale di Matelica, la crescente bontà dei Pecorino del Piceno e il buono stato di salute di Morro d'Alba. Registriamo anche una confortante crescita qualitativa dei Ribona, il "verdicchio marino" diffuso in provincia di Macerata. Qualcosa, ma su volumi lillipuziani, si muove anche a Serrapetrona.

Il chiaroscuro

La parte della Cenerentola se la cuce addosso il pesarese: agli sforzi comunicativi e organizzativi dei volenterosi interpreti del Sangiovese e del Bianchello non fa seguito un innalzamento dell'asticella che misura la bontà. Quello che preoccupa è l'imbattersi non di rado in vini impersonali, talora sgraziati o apertamente sbagliati, frutto di letture sin troppo originali o sfuocate sperimentazioni. Più a sud i vignaioli legati alle uve montepulciano stanno cercando di recuperare integrità di frutto e bevibilità dopo la ricetta del vino-frutto da masticare dei primi anni 2000. Conero e Piceno stanno invertendo la rotta. Attenzione! Nessuno chiede di trasformare il Montepulciano in Pinot Nero. Semplicemente abbiamo notato che interpretare la generosa uva con una sensibilità contemporanea, più in linea con i gusti attuali, è possibile.

Pubblicità

Chiudiamo annotando tra gli elementi positivi anche il dilagante ricorso all'agricoltura biologica e a diversi progetti di sostenibilità e "residui zero" nei vini e nei terreni, con la speranza che tutto questo possa contribuire ad aumentarne il valore economico. Dall'assaggio di 931 vini provenienti da 189 aziende, di cui 120 citate in guida, sono stati assegnati 23 Tre Bicchieri. L'elenco degli artefici vi fornirà la spina dorsale della qualità made in Marche.

Premi Speciali. I migliori vini dell'anno: Bianco dell'Anno

Dopo alcuni anni il Premio Speciale Bianco dell’Anno torna nelle Marche, sempre nei Castelli di Jesi: stavolta la palma del migliore tocca al Castelli di Jesi Verdicchio Classico San Paolo Riserva ’19 di Pievalta, realtà peraltro da sempre impegnata in prima linea anche sui temi della sostenibilità ambientale. Alessandro Fenino, alla guida dell’azienda, ci ha proposto un Verdicchio raffinato e sfaccettato tra sensazioni minerali e salmastre, note di anice, di erbe aromatiche su un sorso sapido e di precisa tensione.

Tre Bicchieri 2023: i migliori vini delle Marche

 

> Scoprite i vini Tre Bicchieri 2023 regione per regione

Pubblicità

>Partecipa alla grande degustazione Tre Bicchieri 2023

 

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X