Tre Bicchieri 2024, i 2 migliori Pinot Bianco dell'Alto Adige premiati da Gambero Rosso con le ricette da abbinare

21 Dic 2023, 17:25 | a cura di
Ecco le due etichette di Pinot Bianco dell'Alto Adige che quest'anno hanno ottenuto i Tre Bicchieri sulla guida Vini d'Italia di Gambero Rosso

In un mondo come quello del vino, in cui nulla si ripete in modo uguale anno dopo anno, il tessuto produttivo della provincia di Bolzano si segnala per la consapevolezza con cui i produttori stanno affrontando le nuove sfide. Sfide che non riguardano solo il cambiamento climatico o l’improvvisa volatilità dei mercati, ma soprattutto la gestione del territorio, lo sviluppo delle sue potenzialità e il passaggio da una produzione che soddisfa le richieste del cliente ad una che valorizza il legame fra i molti vitigni coltivati e le esposizioni che ad essi meglio si adattano.
Questa rinnovata consapevolezza ha portato le aziende più piccole a specializzarsi sulla vocazione dei propri vigneti, come perfettamente evidenziato dalle aziende cittadine o dalle più lontane realtà della Valle Isarco e, parimenti, le strutture cooperative a riservare le selezioni migliori solo ai vitigni che meglio si adattano al loro territorio.

Tre Bicchieri 2024. I migliori Pinot Bianco dell'Alto Adige

Qui ci concentriamo sul Pinot Bianco di cui abbiamo premiato con i Tre Bicchieri due ottime espressioni sulla Guida Vini d'Italia 2024 di Gambero Rosso. Il primo è il Pinot Bianco Sanct Valentin 2021, della Cantina Produttori San Michele Appiano, frutto dei migliori vigneti di Appiano Monte. Profuma di frutto bianco e fiori, con le delicate nuance del rovere che appaiono solo sullo sfondo, il palato è un inno all'Alto Adige, fatto di toni vibranti e una profonda melodia sapida e armoniosa. Nata per volontà di 27 viticoltori all'inizio del secolo scorso, oggi la grande cooperativa di San Michele Appiano può contare sulla partecipazione di 330 famiglie che seguono con amorevoli cure un vigneto che si estende per quasi 400 ettari. Nel corso degli anni la viticoltura si è sempre più specializzata e oggi ogni vitigno è coltivato nel suo luogo d'elezione, per fornire uve che in cantina, sotto la guida di Hans Terzer, sono trasformate in una gamma ampia di etichette dove ai vini più semplici e immediati fanno eco espressioni di stretto legame con il territorio. 

La seconda etichetta premiata è il Pinot Bianco Sirmian 2021 di Nals Margreid, che debutta con una nota sulfurea che lascia spazio a profumi più delicati e cangianti, che ritroviamo in un sorso asciutto e scattante.  A differenza delle altre cooperative atesine, che generalmente coltivano i vigneti principalmente nel raggio di pochi chilometri, la cantina di via Heiligenberg si sviluppa in due zone ben distinte, Nalles a nord ovest del capoluogo e Magrè quasi al confine con il Trentino. Harald Schraffl dispone così in cantina di uve dal profilo molto diverso, che valorizza esaltandone proprio il carattere territoriale. Al suo fianco la consolidata e profonda esperienza di Gottfried Pollinger, che gestisce il settore commerciale dell'azienda.

3 ricette da abbinare al Pinot Bianco



> Scopri i vini Tre Bicchieri 2024 regione per regione

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram