Il pandoro di bufala spopola: torna il trend del Natale (questa volta su TikTok)

6 Dic 2023, 13:39 | a cura di Antonella Dilorenzo
Diventato virale nel 2019, adesso sbanca anche su TikTok. Ma com'è fatto e quando è nato il pandoro di bufala? Tutta la storia

«Il Natale quando arriva arriva», diceva Renato Pozzetto in una nota pubblicità del panettone Motta degli anni Novanta. E quando arriva tutto è ammesso… o quasi.

Il pandoro di mozzarella di bufala: cos'è?

Su TikTok è tornato in pompa magna a far parlare sé, o meglio, a farsi vedere in bella mostra, il pandoro di bufala. Altro non è che una mega mozzarella di bufala a forma di pandoro, dal peso che varia da un chilo a un chilo e mezzo, proprio come un pandoro. Pandorella, pandozzarella, pandomilk. I nomi sono svariati, ma la sostanza non cambia: si tratta sempre e solo di mozzarella. Qualcuno ha azzardato anche versioni ripiene con salame, mortadella e pistacchio, con il tonno e olive. Oppure in versione pandorini, da regalare ai cheeselovers più piccoli.

@caseificiolevante ECCOLO IL PANDOBUFALA SOLO SU ORDINAZIONE TRAMITE STORE ONLINE O IN SEDE Via emilio scaglione 411-415 Napoli #caseificiolevante #neiperte #perte #napolifood #vivov20bethefocus ♬ Chu Desu! - Official Sound Studio

Al momento, sotto l’hashtag #pandorodibufala si registrano 2,6 milioni di visualizzazioni. Anche su Instagram si registrano alcune comparsate, addirittura esiste un profilo che dichiara di aver registrato il marchio, ma il feed è fermo dal 2021. Allora quando e com’è nato questo pandoro?

@boxe_is_my_life♬ suono originale - Luca Della Rossa

 

Quando è nato il pandoro di mozzarella di bufala?

Si tratta di un vecchio trend, nato già qualche anno addietro e che oggi non perde smalto, anziché sparire si sposta solo di social: da Facebook e Youtube, passa a medium più “giovani”, quello di TikTok. Il Natale del 2019 è l’anno zero. A chi sia attribuita la paternità (o maternità!) non è dato saperlo, ma in quell’anno chi si espose fu il ristorante Casa Maryà di Ercolano con un post su Facebook. E sotto i commenti rivendicava anche l’esistenza di imitatori ingrati per niente degni della loro creazione.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram