In tempo di Covid, le soluzioni innovative nel settore del food si moltiplicano. Così accade che l’evento torinese Una Mole di Panettoni, che dal 2012 raccoglie un successo sempre crescente, si trasformi nel primo e più fornito sito di e-commerce dedicato al panettone dei migliori artigiani italiani del lievito madre. Ma senza perdere il suo spirito originario.
Pubblicità

Una Mole di Panettoni. Dall’evento al digitale

Tutto cominciava a Palazzo Cavour nel dicembre 2012, con la prima edizione e la partecipazione di 5mila visitatori. La seconda e terza edizione si sono svolte nelle sale storiche del Museo del Risorgimento Italiano a Palazzo Carignano, e le edizioni successive all’Hotel Principi di Piemonte, con quaranta artigiani pasticceri da tutta Italia e 12mila visitatori. Il panettone piace, continua a essere, insomma, una indiscussa eccellenza della pasticceria e della tradizione italiana, da 500 anni o giù di lì. Quest’anno la manifestazione propone una novità: il primo sito e-commerce dedicato esclusivamente al panettone dei migliori artigiani del lievito madre.

Panettone al cioccolato con miniatura di Mole

Sul sito dedicato, quindi, sarà disponibile un’attenta selezione di piccole produzioni artigianali e grandi lievitati premiati, di professionisti del settore che utilizzano solo lievito madre e ingredienti naturali.  Un contenitore di eccellenza, che vuole diventare un punto di riferimento anche a livello internazionale, una sorta di “guida sicura” per chi vuole acquistare il meglio del made in Italy. Non limitato, tra l’altro, al periodo natalizio: l’idea è di puntare a destagionalizzare sempre di più il panettone: ci stanno pensando già diversi grandi della pasticceria, e il panettone di ferragosto (qualcuno sostiene fosse un’abitudine nell’800) potrebbe diventare una tendenza. Merito della creatività dei produttori, delle molte varianti sfiziose, anche salate, degli abbinamenti con il gelato, e non ultimo del clima giusto, anche se sembra un paradosso: il caldo esalta infatti profumi e aromi (non ci viene forse consigliato di tenerlo sul termosifone un po’, prima di gustarlo d’inverno?)

Il concorso 2020, che diventa social

Ma visto che una Mole di Panettoni è sempre stato anche un concorso, e ha premiato nel corso del tempo grandi pasticceri, non si è voluto rinunciare a questo aspetto, naturalmente con tutte le attenzioni sanitarie del caso. Così, all’Hotel Principi di Piemonte, sabato 28 novembre si riunirà una giuria di esperti del settore, per decretare i migliori panettoni dell’anno. Secondo le consuete 4 sezioni: miglior panettone tradizionale di scuola milanese (senza glassa), miglior panettone tradizionale di scuola piemontese (basso con glassa), miglior panettone creativo e miglior panettone salato.

Pubblicità

E quest’anno a fare parte della giuria ci sarà anche un componente del pubblico, come giurato popolare, grazie ai social. Verrà infatti chiesto al pubblico di scegliere, tra le foto dei panettoni in concorso pubblicate sulla pagina Facebook dell’evento, quella che più stuzzica la golosità, e di ripostarla con l’hashtag #unamoledipanettoni. Il repost che riceverà più like si guadagnerà il diritto di far parte della giuria tecnica, che assaggerà tutti i panettoni in gara. Annuncio dei risultati del concorso e premiazione dei vincitori avverranno in diretta Facebook.

Così fra e-commerce, social e – menomale – degustazioni vere e proprie, la Mole di panettoni non molla. Il panettone è salvo.

 

www.unamoledipanettoni.com

Pubblicità

 

a cura di Rosalba Graglia