L’ultima edizione era stata quella del 2019 a Bergamo, ma ora è tempo di ripartire anche per il settore caseario. A vincere le olimpiadi dei formaggi è lo spagnolo Olavidia di Quesos y Besos.
Pubblicità

World Cheese Awards 2021

È la britannica The Guild of Fine Food a organizzare la competizione dedicata ai latticini, i World Cheese Awards quest’anno in scena a Oviedo, nell’ambito dell’Asturias Paraíso Natural International Cheese Festival 2021. Un’edizione da record dopo la pausa forzata dello scorso anno per via della pandemia, che ha visto partecipare più di 4mila formaggi da 45 Paesi, selezionati poi da una giuria composta da 230 professionisti, tra giornalisti e addetti ai lavori. A trionfare è stato il formaggio Olavidia, fatto con batteri lattici indigeni del latte, dove avviene una perdita spontanea di parte del siero con una lenta pastorizzazione. Un prodotto fatto secondo tradizione che si è distinto per tecnica, profumo e artigianalità.

Il vincitore dei World Cheese Awards 2021

La giuria ha poi dato un punteggio a tutti i formaggi in gara, basandosi su aspetto visivo, struttura, consistenza, odore e gusto, assegnando medaglie di bronzo, argento, oro e Super Gold, ovvero il migliore tra tutti gli ori di ogni tavolo d’assaggio. Sono stati 16 i prodotti insigniti con la targa Super Gold, tra cui anche il campione del mondo: Olavidia della queseria Quesos y Besos, produttori di formaggi di capra da quattro generazioni a Guarromán, sulla strada che da Toledo porta a Cordova. La famiglia è originaria di Malaga e ha dichiarato: “Oggi le capre pascolano negli altopiani meridionali di Jaén, una meravigliosa zona rurale molto vicina al concetto di paradiso, per il bestiame e per gli umani. Il segreto della vittoria è il nostro territorio”.

La Nazionale del Parmigiano Reggiano

Presente, naturalmente, anche l’Italia, con la Nazionale del Parmigiano Reggiano, squadra composta da 96 caseifici in rappresentanza della DOP, che ha comunque stupito i giudici e fatto parlare di sé. Inoltre, durante l’evento è stata anche esposta una forma di Parmigiano Reggiano di 21 anni, tra i più stagionati al mondo, messo all’asta su Givergy per un’iniziativa di beneficenza che si concluderà il 6 novembre 2021. Una specialità rara non solo per la sua stagionatura particolare, ma anche per la certificazione “Prodotto di Montagna”, tra le tipologie di Parmigiano più pregiate, che verrà venduta per devolvere poi tutto ai progetti “Aiutiamo il mondo” di Padre Marco Canovi e Mama Sofia, associazione fondata da Zakaria Seddiki, moglie del compianto ambasciatore in Congo Luca Attanasio. A rappresentare l’Italia in giuria, invece, è stato il giornalista e gastronomo Alberto Marcomini, RAI.

Pubblicità