RICETTE

Conchiglioni raffinati con le fragole

In sintesi

Chef: Giorgione
Difficoltà: Media
Portata: Primi
Ricetta di: Pasta secca
Piatto regionale: Umbria

Ingredienti

300 g di fragole, 1/2 cipolla di Cannara, 100 g di burro, olio extravergine d'oliva, pepe nero, sale grosso, 1 mozzarella, 200 g di ricotta, Parmigiano Reggiano, basilico, 250 g di pasta tipo conchiglioni

Il consiglio

Non ci credevate e invece merita proprio un assaggio: buono da rifare, da rifare anche due volte!

Preparazione

Mentre passeggiavo per la spiaggia di porto d’Anzio mi sono imbattuto in questi conchiglioni! Vabbè scherzo, intanto in acqua bollente e salata caliamola la nostra pasta: belli grandi i conchiglioni sono perfetti da fare ripieni. Oggi mi sento modaiolo, per questo prepariamo un intingolo azzardato: un goccino di olio, una dose ottimale di burro, una mezza cipollina di Cannara pulita e tritata. A questa base andiamo ad aggiungere un ingrediente elegante: le nostre fragole tagliuzzate. Qui non le preferisco troppo mature, se no sarebbero eccessivamente dolci e stonerebbero con il resto. Una macinata di pepe nero, un pizzico di sale grosso e andiamo sul fuoco.
Mentre le conchiglie cuociono e le fragole rosolano ci prepariamo un intruglietto di ripieno: tritiamo la mozzarella al coltello, la mischiamo bene con la ricotta, arricchiamo con un pochino di pepe, un bel cucchiaio di Parmigiano Reggiano e un pochino di sale. Con la forchetta amalgamiamo bene e lasciamo assestare. Appena siamo vicini alla meta con la pasta, la scoliamo, la poggiamo in una ciotola, lasciamo intiepidire un attimo e, con pazienza, uno a uno, riempiamo i conchiglioni con la nostra appetitosa farcia di mozzarella e ricotta. A questo punto abbiamo due strade: o li lasciamo a freddo così, oppure li ripassiamo in forno, aggiungendo un po’ di crema di latte e di pangrattato, per gratinare. Noi li lasciamo a freddo. E, messi tutti vicini in un piatto, li irroriamo con il fondo di cottura e ci rovesciamo sopra le fragole. È una pasta molto primaverile, ora la guarnitura fru fru: il basilico!

Il consiglio

Non ci credevate e invece merita proprio un assaggio: buono da rifare, da rifare anche due volte!
  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X